Privacy Policy
Home / News / Psr, bando da 5 milioni di euro per ripristinare i boschi danneggiati dagli incendi

Psr, bando da 5 milioni di euro per ripristinare i boschi danneggiati dagli incendi

boschi

(di Redazione) Cinque milioni di euro dal Psr Sicilia per ripristinare i boschi danneggiati da incendi, disastri naturali o fitopatie.

È stato, infatti, predisposto dal Dipartimento dello Sviluppo rurale guidato da Mario Candore, l’avviso relativo alla sottomisura 8.4 del Programma di sviluppo rurale 2014/2020 che però ad oggi, 2 luglio, non è stato ancora pubblicato né sul sito del Dipartimento né il quello del Psr Sicilia. Il termine di scadenza per l’inserimento delle domande sul portale Sian è il 13 novembre 2019, mentre si potranno inserire a partire dal 15 luglio prossimo.

Obiettivo della misura è la ricostituzione del potenziale forestale danneggiato da incendi, disastri naturali o fitopatie attraverso interventi di rinnovazione artificiale e gestione selvi-colturale, oltre alla sistemazione di strutture e infrastrutture al servizio del bosco.

La misura prevede un aiuto pari al 100 per cento delle spese sostenute per la realizzazione di investimenti specifici destinati a risolvere situazioni d’emergenza nei boschi derivanti da incendi, disastri naturali o fitopatie.

Per quanto riguarda i danni da incendio, l’evento deve essersi verificato in un periodo antecedente almeno cinque anni rispetto alla data di presentazione della domanda di sostegno.

Non è escluso che la dotazione finanziaria del bando possa essere suscettibile di eventuali incrementi, considerato l’importanza che riveste questo intervento per la salvaguardia del patrimonio boschivo siciliano.

Possono accedere al finanziamento soggetti privati, Comuni, la Regione Siciliana e altre amministrazioni pubbliche e loro associazioni.

I punteggi assegnati a ciascun progetto tengono conto dell’estensione. Saranno, infatti, premiati con punteggio maggiore i progetti che riguardano le superfici accorpate di maggiori dimensioni (1 punto ogni ettaro eccedente i 5 fino a un massimo di 30 punti) e quelli che ricadono in parchi o riserve e nelle aree Natura 2000. Punteggio maggiore anche per la ricostituzione dei boschi non cartografati come rimboschimenti dal Piano Forestale. A parità di punteggio verrà data la precedenza ai progetti che riguardano le superfici collocate ad altitudine maggiore.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.