Privacy Policy
Home / Agricoltura / Nebrodi Biodiversity Net!, la green economy applicata al Parco

Nebrodi Biodiversity Net!, la green economy applicata al Parco

Nebrodi biodiversity net

(di Redazione) Nebrodi Biodiversity Net!, l’iniziativa promossa  dall’Associazione Biodistretto dei Nebrodi, verrà presentata  a Capo d’Orlando, nella foresteria di Villa Piccolo di Calanovella giovedì 16 maggio a partire dalle 15.00.

Durante la giornata di studio e di orientamento sulle strategie per la valorizzazione della rete di biodiversità dei Nebrodi mediante la pianificazione territoriale strategica integrata, dopo i saluti istituzionali, la presentazione del Comitato Tecnico Scientifico e della proposte di ricerca, a seguire una tavola rotonda con dibattito aperto con i soggetti del territorio.

«I temi dell’ambiente e più in generale della biodiversità, della sostenibilita intesi nel senso più ampio nei loro contenuti, sono divenuti imprescindibili per lo sviluppo, la crescita e il potenziamento delle attività di produzione locale», ha affermato Francesco Calanna, presidente del Biodistretto dei Nebrodi, presentando Nebrodi Biodiversity Net.

In merito all’iniziata è intervenuto anche Pietro Ridolfo, vice presidente Fas- Federazione Agricoltori Siciliani, secondo cui è fondamentale assicurare a tutti l’accesso a sistemi economici affidabili, sostenibili e moderni.

«L’Italia nel 2017 è prima fra i grandi paesi europei in economia circolare, agricoltura biologica ed eco-innovazione, ma ha ancora molto da fare sul consumo del suolo, la tutela della biodiversità e la decarbonizzazione», ha evidenziato Ridolfo. Dal Consiglio della Green Economy arrivano infatti sette priorità programmatiche per rilanciare l’economia italiana anche se l’Italia non è all’anno zero in green economy. 

Investire in green economy significa fare economia circolare e l’economia circolare deve sostituire l’economia lineare perché le risorse non sono illimitate. Inoltre i vantaggi economici degli investimenti green sono molteplici. Il primo riguarda i costi evitati dell’inquinamento e di altri impatti ambientali; il secondo la capacità di queste scelte green di attivare, con investimenti pubblici, effetti moltiplicatori anche di quelli privati; il terzo vantaggio sta nella capacità di utilizzare e promuovere innovazione, diffusione di buone pratiche e buone tecniche.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.