Privacy Policy
Home / News / Le Strade del vino siciliane in cerca di rilancio. All’Irvo il coordinamento

Le Strade del vino siciliane in cerca di rilancio. All’Irvo il coordinamento

strade-del-vino-Sicilia

(di Redazione) Le Strade del vino siciliane si interrogano sul loro futuro e individuano nell’Irvo, l’Istituto regionale del Vino e dell’olio, un centro di coordinamento che li supporti nel programmare le iniziative che stanno a cuore ai rappresentanti dei territori del vino e dell’olio a livello regionale. 

Dal neonato gruppo di coordinamento messo in campo durante la riunione che si è svolta ieri, 30 aprile, a Palermo negli uffici dell’Irvo alla presenza di Gori Sparacino (Terre Sicane), Laurent de La Gatinais (Alcamo Doc), Teresa Gasbarro (Val di Noto), Mario Tumbiolo (Val di Mazara), Agata Romeo (Etna), Salvino Craparotta (Erice Doc) e per l’Irvo Vincenzo Cusumano (direttore) e Dario Di Bernardi, sono emerse alcune criticità da affrontare al più presto.

riunione Strade del Vino SiciliaAnzitutto la revisione della normativa (la legge regionale istitutiva della strade del vino siciliane è la n. 5 che risale al 2002), per  “irrobustite” le associazioni della strade del vino che, com’è noto, sono nate spontaneamente ad opera dei produttori di eccellenza che sono anche custodi di risorse agroalimentari determinanti per il successo del made in Sicily nel mondo. I rappresentanti delle Strade del vino presenti alla riunione hanno anche sottolineato la necessità di potere accedere alle linee di sostegno comunitario, con intensità e livelli adeguati alle iniziative da intraprendere. Sarebbe più utile, poi, è stato affermato durante la riunione, che l’accesso alla programmazione comunitaria e a quella Gal che operano in Sicilia possa avvenire anche attraverso il riconoscimento del ruolo istituzionale del Coordinamento delle Strade del Vino.

Una riflessione particolare è stata dedicata alle enoteche pubbliche nate grazie ai fondi di una precedente programmazione dei fondi europei che in diverse zone della Sicilia stanno mostrando interessanti performance. 

L’assessore regionale per l’agricoltura, Edy Bandiera, benché non presente alla riunione ha però assicurato: «Il Governo metterà nell’agenda dei prossimi incontri Le Strade del Vino, per dare la giusta attenzione a chi nei territori ha saputo imprimere la cultura dell’accoglienza. Le Strade del vino sono, infatti, uno straordinario biglietto da visita per i territori vitivinicoli della Sicilia, poiché rappresentano un ottimo sistema integrato di offerte turistiche, capace di valorizzare non soltanto le produzioni di qualità ma anche le eccellenze culturali, naturali e ambientali».  

«Ancora una volta l’Irvo – dichiara soddisfatto il direttore Vincenzo Cusumano – diviene laboratorio per nuove prospettive di sviluppo del territorio regionale e strategie pubblico-privato». 

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.