Privacy Policy
Home / News / Interventi sui corsi d’acqua. Al via i lavori nel Ragusano dopo la ricognizione del Genio civile

Interventi sui corsi d’acqua. Al via i lavori nel Ragusano dopo la ricognizione del Genio civile

Irminio corsi d'acqua siciliani

(di Redazione) Partono gli interventi per la ripulitura e il ripristino della funzionalità idraulica dei corsi d’acqua siciliani. Dopo anni di abbandono, degrado e incuria che in caso di piogge abbondanti hanno determinato eventi catastrofici, finalmente si comincia a intervenire sul reticolo idrografico esattamente dove cominciano i problemi per le strutture e le popolazioni che vivono a valle o sulla costa.

Liberare subito i letti dei fiumi e dei torrenti prima che sopraggiunga la stagione delle piogge chi presentano da tempo sempre più intense e persistenti, è la disposizione che arriva in questi giorni dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, annunciando i primi quattro interventi di ripulitura e ripristino della funzionalità idraulica che riguarderanno la provincia di Ragusa.

In particolare, a seguito della ricognizione del Genio civile, sono stati individuati il fiume Irminio di contrada Margi a Giarratana con lavori per 260 mila euro, i corsi d’acqua pubblici del bassopiano ispicese (253 mila euro), il torrente Modica-Scicli (264 mila euro), il fiume Dirillo in contrada Schembri ad Acate (253mila euro). La spesa preventivata di circa un milione di euro graverà sulle risorse stanziate su apposito capitolo di spesa del bilancio della Regione che è stato appostato a seguito della istituzione dell’Autorità di bacino del distretto idrografico della Sicilia, appena istituita su proposta del governo regionale e dopo decenni di ritardo rispetto al resto d’Italia.

Gli uffici del Genio civile delle altre province siciliane stanno completando le ricognizioni e a breve saranno avviate opere per un totale di oltre sei milioni di euro. «Stiamo lavorando, dopo anni di incuria e degrado – aggiunge il presidente Musumeci – per recuperare il tempo perduto, eliminando situazioni di pericolo a tutela dei rischi per l’incolumità pubblica e privata. Assicurare la manutenzione negli alvei dei corsi d’acqua è il migliore sistema per prevenire le sciagure».