Privacy Policy
Home / Agroalimentare / Il futuro del vino siciliano sempre più rosa. Anche in Sicilia le Donne del Vino crescono|Video

Il futuro del vino siciliano sempre più rosa. Anche in Sicilia le Donne del Vino crescono|Video

(di Angela Sciortino) Dalla sommelier all’enologa, alla manager di cantine e l’esperta di export. Il futuro del vino, anche in Sicilia, è sempre più “rosa”. E questo grazie all’impegno di donne speciali, forti, di talento, capaci di incidere profondamente nel tessuto economico vitivinicolo e orientare con le proprie scelte e il proprio lavoro la rotta del vino verso mercati internazionali.

Le donne del vino in Sicilia sono preparate, parlano le lingue straniere, si interfacciano con colossi dei mercati esteri, dalla Cina alla California. Conoscono i processi di produzione e si fanno ambasciatrici di un sapere antico e moderno nello stesso tempo, come dimostrato in occasione dell’ultimo Vinitaly, dove i vini siciliani ancora una volta hanno catturato la scena internazionale.

A queste donne è dedicato l’incontro del 18 aprile alle 19 a Sanlorenzo: “Le Donne del Vino al Mercato”, uno speciale talk show con degustazione di alcuni tra i vini siciliani più pregiati, accompagnati dalle protagoniste delle cantine e realizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino – la più grande e attiva associazione femminile mondiale del settore enologico – che in Sicilia ha una delegazione nata nel 1988 e oggi guidata dalla manager Roberta Urso. 

In Sicilia sono decine le aziende vitivinicole e le attività legate al mondo del vino portate avanti con professionalità, energia e passione dalle donne. Sono soprattutto produttrici, enologhe, agronome, manager, talvolta tutti questi ruoli insieme. La capacità di fare squadra col preciso obiettivo di promuovere il territorio ed il vino siciliano ne accomuna 17 all’interno della delegazione regionale a cui si aggiungono altre figure (sempre femminili) che il vino non lo producono, ma lo raccontano come le giornaliste, o ne promuovono la cultura, come le sommelier.

Passando da un vino all’altro nell’incontro, si potranno ascoltare le storie di: Maria Antonietta Pioppo (sommelier ed executive wine master), Samantha Di Laura (Scirocco Ethical management), Flora Mondello (Gaglio Vignaioli), Lilly Fazio (Fazio Wines), Vinzia Novara (Firriato), Roberta Urso (Mandrarossa), Marina Ambrosecchio (Presidente Uet), Marida Giordano (Assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana). Modera la giornalista Giusy Messina, con il commento musicale di Marcello Mandreucci. Un dibattito, ma soprattutto un aperitivo informale “in rosa” per bere del buon vino e conoscere le persone che lo hanno prodotto.

Si parlerà anche dell’importanza della formazione enologica, dell’aggiornamento professionale, dell’acquisizione di competenze sul campo attraverso percorsi didattici mirati, grazie anche alla presenza di Uet – Scuola Universitaria Europea per il Turismo, che a Palermo organizza tra le altre cose il Master in Food & Wine Management per l’alta formazione e specializzazione di professionisti del settore.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.