Privacy Policy
Home / News / Catania, sequestrati oltre 30 tonnellate di agrumi non tracciati

Catania, sequestrati oltre 30 tonnellate di agrumi non tracciati

 

«Un plauso alle forze dell’ordine e alla prefettura di Catania
per l’operazione che portato al sequestro di oltre 30 tonnellate
di agrumi non tracciati tra Maas
(Ossia i Mercati Agroalimentari All’ingrosso di Sicilia)
e venditori ambulanti sulle strade del territorio etneo».

E’ quanto afferma il presidente del Distretto Agrumi di Sicilia, Federica Argentati.
«Riteniamo – aggiunge Argentati – che questa sia la strada da seguire per affermare
l’importanza della tracciabilità della filiera agrumicola ed evitare che finiscano
in commercio dei prodotti la cui provenienza non sia certa.
Ci sorprende che tale mancanza di tracciabilità sia poi stata rilevata all’interno del Mass
e ci chiediamo come sia possibile che all’interno dei mercati agroalimentari
si riscontrino partite di prodotto di cui non sia certificata la filiera produttiva».

«Quanto accaduto – prosegue la presidente del Distretto –
evidenzia la necessità di maggiore rigore nei controlli in entrata e in uscita delle merci,
l’assoluta urgenza di garantire la tracciabilità
anche con strumenti tecnologici di nuova generazione
e una migliore organizzazione di tutta la filiera agrumicola.

In primo luogo a tutela delle produzioni di qualità Dop, Igp e Biologiche,
dei produttori e dei commercianti onesti che ogni giorno faticano
per portare avanti il loro lavoro nel rispetto delle regole e dei consumatori finali,
i quali hanno diritto a comprare e consumare agrumi di cui sia certa la provenienza
e i metodi di coltivazione e trattamento.

Non ultimo, l’operazione interforze
segna una attenzione delle istituzioni a un problema annoso,
sollevato da tantissimi produttori che fanno parte della base del Distretto Agrumi di Sicilia:
l’odioso fenomeno dei furti in campagna, che penalizza fortemente tutto il comparto».

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.