Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Sviluppo locale” (Page 5)

Archivi

Al via i Distretti del cibo, strumenti di sviluppo e promozione dei territori

distretti-del-cibo

(di Redazione) I Distretti del cibo, i nuovi strumenti, previsti dalla legge di bilancio per garantire ulteriori risorse e opportunità per la crescita e il rilancio a livello nazionale di filiere e territori, sono stati presentati qualche giorno fa a Bergamo. Secondo la nuova legge vengono definiti Distretti del cibo diverse entità: i distretti rurali e agroalimentari di qualità già riconosciuti o da riconoscere; i distretti localizzati in aree urbane o periurbane caratterizzati da una significativa presenza di attività agricole volte alla riqualificazione ambientale e sociale delle aree; i distretti caratterizzati dall’integrazione fra attività agricole e attività di prossimità e i distretti biologici. Per il rilancio del settore e per il sostegno ai distretti sono stati stanziati 5 milioni di euro per il 2018 e…

Contadini custodi della biodiversità dell’Etna con il progetto Sew

progetto-sew

(di Angela Sciortino) Parte giovedì 25 gennaio il percorso formativo per contadini custodi. A Milo, sull’Etna, nel locale di piazza Belvedere messo a disposizione dal Comune, dalle 15,30 alle 18,30 è in programma il primo dei cinque seminari previsti nell’ambito di Sew – Save the Etna world, il progetto della Rete Fattorie Sociali Sicilia, sostenuto da Fondazione con il Sud, e selezionato con il bando Ambiente 2015. Il progetto Sew è finalizzato al monitoraggio, alla protezione e all’educazione alla biodiversità dell’ambiente etneo. I cinque seminari previsti dal progetto, ciascuno della durata di tre ore, sono destinati alla formazione di venti “Contadini Custodi” della biodiversità del territorio del Parco dell’Etna. Durante il seminario introduttivo verranno presentate le principali tematiche inerenti la biodiversità etnea e le peculiarità…

La pietra a secco di Pantelleria nel registro nazionale dei paesaggi rurali

Pantelleria

(di Redazione) Pantelleria e la sua viticoltura di tradizione, insieme alle altre coltivazioni tipiche dell’isola, hanno reso il paesaggio un giacimento unico e identitario. L’introduzione nel Registro nazionale dei paesaggi rurali storici della pietra a secco di Pantelleria è un riconoscimento alla capacità dei contadini locali, veri architetti dell’isola. Coldiretti Sicilia commenta così l’annuncio del Ministero delle Politiche Agricole dell’iscrizione dei muretti a secco dell’Isola tra le sei aree new entry della bellezza agraria italiana. La particolarità dei terrazzamenti, continua Coldiretti Sicilia, testimonia come le condizioni ambientali abbiano determinato lo sviluppo di tecniche colturali in grado adattare le necessità dell’uomo ad un ambiente difficile producendo scorci straordinari abbinati ad una alta qualità dei prodotti e di grande valenza turistica. Chilometri di pietre accatastate ospitano viti…

Mirto adotta l’Ape sicula e inserisce tra le De.Co. il miele della valle del Fitalia

(di Redazione) Il Comune di Mirto sceglie di proteggere l’Ape sicula e approva una delibera che tutela l’animale determinante per l’equilibrio della biodiversità del territorio comunale ma purtroppo in via di estinzione. Grazie a questo provvedimento il Comune di Mirto, in linea con la strategia del Bio Distretto dei Nebrodi offre, in termini concreti, un valido contributo in termini di salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità attraverso una campagna di sensibilizzazione dei cittadini e delle nuove generazioni verso il rispetto dell’ecosistema. Le api, è ormai risaputo, sono un elemento fondamentale dell’equilibrio naturale. Ma è altrettanto noto che le loro popolazioni negli ultimi anni hanno subito una notevole riduzione. Tutta colpa dei prodotti chimici, quelli usati in agricoltura anzitutto, che hanno un effetto diretto sulla salute di…

Un Parlamento europeo non istituzionale per dare voce alle popolazioni rurali

Parlamento-rurale

(di Angela Sciortino) Parte dalla Sicilia il movimento per la partecipazione anche da parte dell’Italia al Parlamento Rurale Europeo. Una struttura non istituzionale, non partitica, ma sicuramente politica che è già presente in quasi tutti i Paesi europei e che serve a dare voce alle popolazioni rurali e che si prefigge di interloquire con i decisori pubblici. Degli “European Rural Parliament” (questa l’esatta denominazione internazionale) fanno parte associazioni, enti ed istituzioni aventi a cuore le politiche di sviluppo rurale. In Italia l’iniziativa sta muovendo i primi passi proprio in Sicilia dove l’Ente Parco Fluviale dell’Alcantara nelle scorse settimane è entrato a far parte del comitato promotore per l’Italia del Parlamento Rurale Europeo, aderendo all’iniziativa di Nino Sutera, coordinatore dell’Osservatorio di Neoruralità nonché anima e promotore…

Terre Colte, il nuovo bando sperimentale di Fondazione con il Sud ed Enel Cuore Onlus

terre-colte

(di Redazione) Valorizzare i terreni incolti o non adeguatamente utilizzati del Mezzogiorno facendoli diventare, favorendo l’introduzione di innovazioni tecnologiche e colturali, nuove opportunità per i giovani, ma anche occasione di inclusione sociale e lavorativa di persone in condizione di disagio. È questo in sintesi lo scopo del nuovo bando sperimentale Terre Colte, promosso dalla Fondazione con il Sud in collaborazione con Enel Cuore Onlus che è stato presentato a Roma nella sede della Fondazione con il Sud e alla presenza del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina e che si propone di rivitalizzare la tradizione legata all’agricoltura e all’allevamento delle regioni del Sud. A disposizione 3 milioni di euro, di cui 2 milioni messi a disposizione della Fondazione con il Sud e…

Riparte lo svilippo locale targato Ue. Finanziati i primi otto Gal con 35 milioni di euro

(di Redazione) Riparte la strategia di sviluppo locale con l’emissione dei primi otto decreti di finanziamenti per altrettanti Gruppi di Azione Locale. In totale i primi otto Gal, le aggregazioni territoriali beneficiarie dei finanziamenti del Psr in cui confuiscono fondi europei, nazionalie regionali, riceveranno complessivamente 35 milioni di euro. Il  decreti firmati dal dirigente generale del Dipartimento agricoltura Gaetano Cimò riguardano i Gal Metropoli est (€ 4.492.270,50), Golfo di Castellammare (€ 3.983.173,17), Elimos (€ 4.648.216,50), Isc Madonie (€ 4.602.793,08), Sicani (€ 4.475.000,31), Terre dell’Etna e dell’Alcantara (€ 4.925.850,15), Natiblei (€ 4.262.764,44), Tirrenico Mare Monti Borghi (€ 3.170.827,23). Nel corso delle prossime settimane verranno emessi i decreti per le restanti aggregazioni territoriali.

Attività extra-agricole, pubblicati due bandi del Psr per ricettività, commercio ed energia da rinnovabili

(di Angela Sciortino) Sono stati pubblicati due bandi del Psr sulle sottomisure 6.4.C e 6.4.B dedicate allo sviluppo delle attività extra-agricole nelle aree rurali C e D. La dotazione è di venti milioni di euro per investimenti su B&B, trasformazione e commercializzazione ed 8,6 milioni per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Entrambi i bandi prevedono investimenti finanziati al 75% a fondo perduto in regime “de minimis”. Ciascun progetto ammesso otterrà da un minimo di 30 mila ad un massimo di 200 mila euro. L’aiuto può essere cumulato con altri aiuti in “de minimis” purchè, nell’arco di tre anni non venga superato il massimale di 200 mila euro. «La Sicilia è tra le regioni più virtuose in Italia sulla spesa dei…

In arrivo un bando del Psr per B&B, attività culturali, didattiche e di inclusione sociale

bando-del-psr-1

(di Angela Sciortino) Presto un nuovo bando del Psr 2014-2020. Si tratta di quello dell’operazione 6.4.C “Sostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra-agricole nei settori commercio – artigianale – turistico – servizi – innovazione tecnologica” che fa parte della Sottomisura 6.4 intitolata “Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole”. La misura, quando è stato redatto il Psr, è stata pensata “per sostenere le attività rivolte al completamento di filiere locali e alla valorizzazione delle specificità culturali e enogastronomiche connesse alle produzioni agricole e alimentari di qualità, il rafforzamento dell’offerta turistica con strutture di accoglienza e servizi”. «Con il bando del Psr di prossima pubblicazione verranno finanziati investimenti al 75% a fondo perduto in regime “de minimis” – anticipa l’assessore…

Alla scoperta di Collesano tra storia, natura, cultura e gastronomia locale

(di Anna Venturini) Considerando che la maggior parte degli itinerari turistici proposti in Sicilia prevedono una specie di gran tour dell’isola concentrato in una settimana, trascorrere invece un’intera settimana a Collesano, grazioso comune del Parco delle Madonie, potrebbe sembrare eccessivo. In realtà, il moderno gran tour della Sicilia, che degli antichi fasti ottocenteschi mantiene solo il nome, si risolve di media in sette o dieci giorni durante i quali i malcapitati “continentali” vengono sottoposti ad una serie di tappe forzate per le strade assolate dell’isola, trascinati impietosamente tra monumenti, mercati, piazze e spiagge di cui complessivamente conserveranno un pallido e sfuocato ricordo. Una coppia di amici ospita me e mio marito in campagna, la casa è immersa in un uliveto centenario adagiato su un declivio…

1 3 4 5 6