Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Sviluppo locale” (Page 3)

Archivi

Protocollo d’intesa tra Parco dei Monti Sicani e Università di Palermo

protocollo parco Monti Sicani

(di Redazione) Siglato ieri mattina alla presenza dell’Assessore Regionale del Territorio e dell’Ambiente Salvatore Cordaro, un protocollo d’intesa tra il Parco Regionale dei Monti Sicani, rappresentato dal Commissario Straordinario Luca Gazzara, e l’Università di Palermo nella figura di Stefano Colazza, Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali alla presenza di Rosario Schicchi – direttore dell’Orto Botanico di Palermo e responsabile scientifico per le iniziative del protocollo – e Giuseppe Venturella, ordinario del Dipartimento di Agraria dove insegna e botanica forestale e micologia. Il protocollo nasce dall’esigenza di avviare una collaborazione strutturata finalizzata alla ricerca scientifica, ad una migliore fruizione ambientale e alla valorizzazione del territorio del Parco che si estende tra le province di Palermo ed Agrigento. Il Parco dei Monti Sicani, terzo per estensione…

Presto in pista le misure Psr Sicilia e Feasr del Gal Nebrodi Plus

Forum Gliaca Gal Nebrodi Plus

(di Redazione) Informazione ed approfondimento su due segmenti che hanno l’obiettivo condiviso della crescita e sviluppo del territorio. Con questo obiettivo è stato organizzato dal Gal Nebrodi Plus il Forum di animazione che si è tenuto ieri, 28 giugno, presso la Riviera del Sole a Gliaca di Piraino. Oggetto di discussione durante l’incontro sono state le misure che prossimamente saranno messe a bando, dal Gal Nebrodi Plus, e alle quali potranno accedere sia pubblici che privati. Inoltre, l’occasione è servita per presentare al territorio la prima esperienza delle Terre Di Dioniso – Rete del Gusto e dell’Accoglienza del costituendo Contratto di Rete che si è sviluppato sul territorio nebroideo. Numerosa la partecipazione degli amministratori locali e delle imprese del territorio. I lavori sono stati aperti…

A Castelbuono e Pollina torna in auge la produzione della manna

manna

(di Luigi Noto) In uno spicchio di terra siciliana da secoli si produce la manna con tecniche tramandate di generazione in generazione. Questo straordinario dolcificante naturale, che rimanda a episodi biblici e che nell’immaginario collettivo è un dono divino, si ottiene dalla solidificazione della linfa che durante la stagione estiva fuoriesce dalle incisioni praticate sul fusto di una rara specie di frassino coltivata solo in ristrette superfici del comprensorio del Parco delle Madonie. Il Consorzio Manna Madonita nato nel dicembre del 2015 è una società cooperativa consortile sociale formata da quattro cooperative di produttori di manna – La 50, Oasi, Nuova Alba e Il Girasole – con l’obiettivo di rilanciare la produzione di questa antica risorsa del contesto agrario della zona. «In Sicilia la manna…

A Catania con Bioagricoltura sociale focus sulle comunità locali sostenibili

bioagricoltura sociale

(di Redazione) Agricoltura sociale, quindi aperta alle esigenze dei più deboli, ma anche bio. E quindi sostenibile e rispettosa delle risorse del pianeta. È quella rappresentata dall’Associazione nazionale bioagricoltura sociale che ha debuttato ieri pomeriggio a Catania nell’Aula Iannaccone del Dipartimento Di3A dell’università etnea con un convegno sul tema “Bioagricoltura sociale e comunità locali sostenibili”. L’associazione promossa da alcune realtà storiche dell’agricoltura biologica e sociale tra cui l’Aiab, il Biodistretto sociale di Bergamo, la Rete fattorie Sociali Sicilia, il Consorzio di imprese sociali “Mediterraneo Sociale di Napoli, Focus Casa dei diritti sociali di Roma, e alcune centinaia di aziende biologiche, associazioni e cooperative agricole e sociali, proseguirà nella mattinata di oggi il confronto sull’agricoltura, o meglio del diverse forme di agricolture sociali in Europa, approfondendo…

Il paesaggio, un ponte tra natura e cultura, giornata di studi a Palermo

paesaggio

(di Luigi Noto) Quanto vale un bel paesaggio? Impossibile attribuirgli un valore economico. Così come non è possibile immaginare quante cose potrebbe raccontarci se solo avessimo occhi allenati ad osservare i particolari che troppo spesso ci sfuggono. E quanto tempo, lavoro e fatica certi paesaggi sono costati alle popolazioni che in quel territorio hanno vissuto e realizzato le loro attività produttive. Il paesaggio è un bene comune, intangibile a cui non è attribuibile un valore se non inestimabile; interessa e coinvolge numerose professionalità e su di esso si sovrappongono le competenze di numerose amministrazioni. Per introdurre il vasto tema che interessa e coinvolge non solo amministratori pubblici e progettisti, ma anche il semplice cittadino, l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della provincia di Palermo ha…

A bordo dei treni storici alla scoperta del territorio e del buon cibo siciliano

treni storici 3

(di Redazione) Alla scoperta del territorio siciliano, e quest’anno anche dei suoi prodotti tipici, utilizzando i treni storici che viaggiano su linee turistiche. Le stesse che in estate sono interessate da un traffico scarso ma che, grazie agli itinerari dei treni storici, trovano nuovo vigore a livello commerciale. È questo il programma della Fondazione Ferrovie dello Stato che è stato recentemente presentato dal presidente della Fondazione Fs, Mauro Moretti e dal direttore generale, Luigi Cantamessa, alla presenza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e dell’assessore al Turismo Sandro Pappalardo, a bordo di un treno degli anni ‘30, partito dalla stazione di Catania e arrivato a Siracusa. Com’è noto il Ministero del Turismo ha dedicato il 2018 al tema del cibo, ovvio, quindi, che le…

Torna l’agricoltura a Selinunte. Grani antichi e legumi nel parco archelogico

Selinunte

(di Luigi Noto) A Selinunte, nel parco archeologico più grande d’Europa presto saranno prodotte lenticchie e altri legumi locali, come il cece, e grani antichi di cui a luglio inizierà la mietitura. I cereali e i legumi saranno poi venduti con il logo del parco archeologico di Selinunte e il ricavato della vendita sarà destinato al finanziamento di progetti di valorizzazione del sito. L’annuncio della valorizzazione “agricola” di una vasta area del parco archeologico esteso complessivamente 270 ettari includendo anche le cave di Cusa, è stato recentemente dato da Enrico Caruso, direttore del parco archeologico dell’antica colonia greca. All’interno dell’area archeologica sta per essere pure ricostruito il paesaggio ottocentesco. A Selinunte dove la storia è padrona, insieme al mito e al paesaggio – ancora di…

Coldiretti Sicilia denuncia: Psr troppo a rilento su giovani e biologico

Coldiretti Sicilia

(Luigi Noto) Sono migliaia i giovani che hanno presentato la richiesta di insediamento alla fine del 2017 e aspettano ancora di sapere se potranno o no avviare la propria azienda. Lo denuncia Coldiretti Sicilia che, sottolineando “l’andamento lento” del Programma di sviluppo rurale, evidenzia come il Psr da trampolino di crescita si stia trasformando in un vero e proprio labirinto burocratico da cui è difficile uscire. L’istruttoria vera e propria delle pratiche agli ispettorati provinciali è cominciata solo da un paio di mesi. Niente di strano, quindi, che non si sappia ancora nulla della graduatoria. Di sicuro c’è un dato. Per gli under 40 c’era una posta di 40 milioni di euro e il contributo – a fondo perduto ma vincolato alla realizzazione di un…

Focus sul monte Pellegrino. Tra cultura, paesaggio, biodiversità e devozione

monte Pellegrino

(di Redazione) Celebrare, riscoprire e vivere le bellezze culturali e paesaggistiche della città di Palermo a partire dai luoghi vissuti dalla Santa. Per tutto questo è stato organizzato la manifestazione intitolata “Biodiversità e diversità culturale sui passi di Rosalia” che si svolgerà a Palermo i prossimi 9 e 10 giugno. L’iniziativa promossa da Progetto Policoro dell’Arcidiocesi di Palermo e dalla cooperativa Kòrai – Territorio, Sviluppo e Cultura, animatore dell’Officina Territoriale di Policoro, si inserisce nella cornice di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. L’iniziativa dal taglio naturalistico, culturale e religioso, con focus su Monte Pellegrino e Santa Rosalia, trae spunto dal tema di Manifesta 12, “Il Giardino Planetario: coltivare la coesistenza”, e si articolerà in due giornate: il 9 giugno con il Convegno “Biodiversità e…

Acquacoltura in aree interne, prima azienda agricola al taglio del nastro

acquacoltura

(di Angela Sciortino) Taglio del nastro oggi nell’entroterra siciliano per il primo impianto di acquacoltura “rurale” realizzato da un azienda che finora si è occupata solo di agricoltura. Si tratta di quello dell’azienda agricola Salvatore Algozino che si trova nella contrada Passo Catalano-Piano Comune di Assoro in provincia di Enna. L’impianto, finanziato attraverso la misura 2.1 dal Fep Sicilia 2007/2013, il fondo europeo specializzato per la pesca e l’acquacoltura (l’analogo del Psr, ma con dotazioni decisamente più limitate) è stato successivamente supportato dal gruppo Agriventure di Banca Intesa San Paolo che è potuto intervenire grazie all’attivazione del fondo di garanzia Sgfa (oggi si chiama Ismea) attivato dall’ispettorato dell’agricoltura di Enna. Nell’azienda Algozino che aderisce al Distretto della Pesca e Crescita Blu – Cosvap, inizialmente si…

1 2 3 4 5 6