Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Cultura”

Archivi

Piazza Armerina: dal cuore della Sicilia, l’Abbraccio della città più ribelle CLICCA PER IL VIDEO

ARTICOLO DI MARIANNA GRILLO     La bellezza barocca di Piazza Armerina che abbraccia i “Giganti Feriti” di Mitoraj, rievoca le profonde radici storiche e artistiche della città della Villa Romana del Casale e le intreccia con il messaggio contemporaneo e “umano” dell’artista polacco. La cornice perfetta per una comunità con un forte senso di appartenenza e uno deciso sguardo verso il futuro. UN PO’ DI STORIA… Piazza Armerina è un comune siciliano di circa 20.000 abitanti in provincia di Enna da cui dista 32 km. Il nome deriva dal latino medioevale Plàtea o Platia (piazza del mercato) e, solo nel 1862, il Consiglio di Piazza, con una delibera, ne cambia la denominazione con l’aggiunta dell’appellativo “Armerina”. Abitato fin dalla preistoria, questo territorio è già splendido in epoca romana, come dimostra la Villa romana del Casale (IV…

Giardini Orléans, gli orari per visitare il presepe artistico durante le festività

Sarà visitabile anche a Natale, Santo Stefano e Capodanno il presepe artistico allestito all’interno dei Giardini del Palazzo Orléans, sede della presidenza della Regione Siciliana. Il 25 dicembre apertura solo pomeridiana, dalle 16 alle 20; mentre il giorno successivo orario normale: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20 (così come sabato 1 e giovedì 6 gennaio). Venerdì 31, invece, la chiusura è anticipata alle 19. In tutte le giornate, la visita completa dei Giardini zoologico e botanico è possibile solo fine alle 17. Lunedì chiusura settimanale. Composto da una cinquantina di figure in terracotta, tra personaggi umani e animali, alte fino a 1,25 metri e interamente realizzate a mano da artigiani siciliani, è uno dei presepi statici più grandi d’Italia ed è stato…

Un’anima musicale sotto un mantello di ceramica: i mille rintocchi di Burgio CLICCA PER IL VIDEO

ARTICOLO DI MARIANNA GRILLO Se “anima” e “mantello” messi insieme non vi dicono nulla allora, non siete mai stati a Burgio. Il borgo in provincia di Agrigento, è noto come il comune delle campane e della ceramica ma non solo. Tra i suoi segreti, nasconde quella che da molti viene definita la “Cappella Sistina dei Monti Sicani”. UN PO’ DI STORIA… Burgio ha una storia antica e ricchissima. Sulla data di fondazione, non esistono fonti certe e attendibili così come, almeno per quanto riguarda il periodo più remoto della sua esistenza, non si hanno testimonianze sicure e prive di contraddizioni. Sicuramente esisteva nel XIV secolo d.C., quando gli abitanti della vicina Scirtea si unirono a quelli di Burgio. Per saperne di più, ci siamo rivolti a  Maria Concetta Bellavia, dell’ Associazione Promozione Sociale “Prospera Civitas”. Il Castello…

Amor sacro e Amor profano: Erice, l’enigmatico borgo-capolavoro CLICCA PER IL VIDEO

ARTICOLO DI MARIANNA GRILLO Il mito racconta che il suo nome derivi da Eryx, figlio di Bute e di Afrodite, dea dell’Amore e della Bellezza; la tradizione, che a sfornare i dolci più buoni del borgo, fossero le suore di clausura. Da una parte il culto di Venere Ericina e delle sue jerodule, dall’altro Dio e le monache, una vita contemplativa e lontana dal mondo. In una parola: Erice. Perfetto equilibrio tra contrasti, tra profano e sacro, Erice è una cittadina medievale tra le più belle della Sicilia e d’Italia. Il caratteristico borgo è stato costruito in cima al Monte San Giuliano, si trova a 750 metri sul livello del mare e dista 15 chilometri da Trapani. Dal Castello di Venere e dal Giardino Balio , si gode di un panorama straordinario. Da una parte, il…

L’oro bianco in un mare dolce: Campofelice di Roccella, la porta azzurra delle Madonie | CLICCA PER IL VIDEO

GUARDA IL VIDEO IN ALTO ARTICOLO DI MARIANNA GRILLO Non tutti sanno che un tempo, a Campofelice di Roccella, attorno al Castello affacciato sul mare, esisteva un borgo abitato anche da lavoratori dello zucchero. Un prodotto straordinario e molto costoso che, una volta finito, si metteva in viaggio per mete lontanissime… UN PO’ DI STORIA… Il territorio di Campofelice di Roccella ricade ai piedi del complesso roccioso delle Madonie. E’ un comune di circa settemila abitanti della provincia di Palermo, a poco più di 50 km dal capoluogo siciliano. Ogni anno, è meta di turisti affascinati dalla bellezza della sua costa, dalla sua spiaggia e dal mare cristallino che costituiscono il punto di forza del turismo locale. Ed è in questo paradiso che sorgeva il Castello di Roccella di cui oggi si conserva intatta, un’unica, splendida torre. Domenica Barbera, dell’Associazione…

Set da favola e borgo leggendario: Mussomeli, la “casa” della Grande Bellezza CLICCA PER IL VIDEO

ARTICOLO DI MARIANNA GRILLO Ha solleticato la curiosità di migliaia turisti stranieri e affascinato registi e troupe televisive di tutto il mondo. Da piccolo borgo in provincia di Caltanissetta, Mussomeli è diventata un interessante modello che coniuga turismo, riqualificazione urbana e impresa. Un set cinematografico a cielo aperto che, fra un ciak e l’altro, svela tutti i suoi misteri o quasi… UN PO’ DI STORIA… Incastonata tra le meravigliose terre del Vallone, dominata dal Castello Manfredonico, Mussomeli è uno dei gioielli più belli dell’incantevole entroterra nisseno. Fin dall’antichità, il suo territorio era abitato da popolazioni indigene, come dimostrano le tombe scavate nella roccia che è possibile vedere in alcune zone intorno al paese. Il primo documento ufficiale che per la prima volta riporta il nome della terra di Mussomeli è un Diploma del Re Martino del 4 aprile 1392…

Palazzo Orléans, i Giardini chiusi a causa delle avverse condizioni meteo

A causa delle avverse condizioni meteo, si comunica che oggi i Giardini del Palazzo Orléans, sede della presidenza della Regione, resteranno chiusi. Da domani, i visitatori potranno tornare ad ammirare l’eccezionale scenario naturale offerto dal Parco nei consueti orari: dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. In più, per consentire la visita del presepe artistico di circa 200 mq realizzato all’interno del Parco, fino al 6 gennaio l’orario d’ingresso sarà esteso dalle 17 alle 20, tutti i giorni escluso il lunedì. © Riproduzione Riservata

Giardini Orléans, inaugurati il presepe artistico e l’illuminazione natalizia

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha inaugurato, insieme agli assessori, il presepe artistico all’interno dei Giardini del Palazzo Orléans e l’illuminazione natalizia sulla facciata principale dell’edificio e sul cipresso all’ingresso del parco.   Il presepe artistico è composto da una cinquantina di figure in terracotta, tra personaggi umani e animali, alte fino a 1,25 metri e interamente realizzate a mano da artigiani siciliani: per questo motivo, sono tutti pezzi unici. Lo scenario riproduce un borgo rurale siciliano ricreato attraverso costruzioni in legno e polistirolo antichizzate che ospitano rappresentazioni di antichi mestieri (come il cestaio e la filatrice) esponendo anche strumenti artigianali d’epoca.   Il presepe si estende su una superficie di circa 200 mq e può essere osservato lungo tutti i suoi lati….

Immacolata, Coldiretti: “Albero acceso in 9 famiglie su 10”

L’albero di Natale resta una tradizione fortemente radicata tra gli italiani che lo accendono in quasi nove famiglie su dieci (85%), anche se però ci si divide, tra vero o finto, tra piccolo e grande, tra addobbo tradizionale od innovativo. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ in occasione dell’Immacolata durante il quale nelle case si addobba l’albero per le feste. L’albero naturale trova spazio quest’anno nelle case di quasi 3 milioni di famiglie anche se – sottolinea Coldiretti – la maggioranza del 63% degli italiani ricicla l’albero di plastica recuperato dalla cantina mentre una minoranza lo compra nuovo di plastica.   Un albero artificiale di circa 1,90 metri – spiega la Coldiretti – ha un’impronta di carbonio equivalente a circa 40 chili di emissioni…

Palazzo Orléans, i Giardini aperti per l’Immacolata e da giovedì c’è il presepe

Domani, in occasione della festività dell’Immacolata Concezione, i Giardini del Palazzo Orléans resteranno aperti non solo la mattina, ma anche nelle ore pomeridiane. I visitatori, dunque, potranno approfittare del giorno di festa per respirare l’atmosfera natalizia all’interno dell’eccezionale scenario naturale offerto dal Parco della presidenza della Regione Siciliana.   I circa tre ettari e mezzo dei Giardini, infatti, accolgono un inedito patrimonio naturale composto da numerose specie faunistiche e ben 350 esemplari di 70 specie animali diverse. Anche mercoledì 8 dicembre, dunque, sarà possibile ammirare i Giardini del Palazzo Orléans nei consueti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. E da giovedì 9 sarà visitabile anche il presepe allestito all’interno del Parco. © Riproduzione Riservata

1 2

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.