Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Bio” (Page 4)

Archivi

Agro-omeopatia, un corso di tre giorni per capirne i principi e imparare ad applicarla

agro-omeopatia

(di Angela Sciortino) Si può superare in “pulizia” e “salubrità” l’agricoltura biologica e l’agricoltura biodinamica? Non si può ancora dire, ma da quasi trent’anni si studia l’agro-omeopatia, ovvero la possibilità di applicare alle piante coltivate le tecniche omeopatiche. I risultati? Secondo Lucietta Betti che, ora in pensione, per anni ha diretto a Bologna il laboratorio di Agro-omeopatia presso il Dipartimento di Scienze Agrarie sono «Incoraggianti, ma ancora c’è molto da indagare». E per imparare principi, tecniche e modalità due entusiasti dell’agro-omeopatia, Francesco Di Lorenzo, agronomo e Giorgio Ciaccio, medico omeopata, hanno esso a punto perfino un corso di formazione per tecnici e agricoltori (professionali e hobbisti). Le tre ore in cui la Betti ha tenuto letteralmente banco di fronte a una platea di curiosi, studiosi,…

Orticoltura bio-naturale fai-da-te, un corso a Palermo nel Giardino della biodiversità

(di Angela Sciortino) Se il vostro sogno è cibarvi delle verdure e degli ortaggi autoprodotti e avete a disposizione un terrazzo, un’aiola, meglio ancora un fazzoletto di terra, allora il corso orticoltura bio-naturale è quello che fa per voi. Per saperne di più basterà andare domani pomeriggio alle 16,30 a SanLorenzo Mercato alla presentazione dell’attività formativa che si snoda lungo l’arco di dodici mesi. Così sarà possibile conoscerne l’articolazione e il programma didattico in tutte le sue fasi ed eventualmente approfondire con gli organizzatori e i partner. «Il corso di orticoltura bio-naturale è strutturato in modo tale da consentire agli allievi l’acquisizione di tutte le tecniche necessarie per la realizzazione di un orto o di un frutteto bio-naturale, mediante una sperimentazione diretta», spiega Luigi Rotondo,…

A Sandra Invidiata, allevatrice di Collesano, il premio [email protected] 2017

De@terra

(di Angela Sciortino) Grazia Invidiata, per gli amici Sandra, è una delle sei imprenditrici agricole che hanno vinto l’edizione 2017 del premio [email protected] Indetto da Ismea, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, in collaborazione con il Mipaaf, il Ministero delle politiche agricole e agroalimentari, il premio [email protected] è giunto alla XVI edizione ed è finalizzato alla individuazione di imprenditrici agricole operanti sul territorio nazionale che si siano distinte per la propria iniziativa. Non è in palio un premio in denaro, ma la partecipazione, con spese tutte a carico di Ismea, di una visita di studio per lo scambio di buone prassi presso alcune realtà agricole dell’Unione Europea e ad un incontro celebrativo durante il quale verrà consegnato il premio. Sandra Invidiata, laureata in…

Agro-omeopatia: l’efficacia dell’effetto placebo anche sulle piante coltivate

(di Angela Sciortino) Venticinque anni di ricerca scientifica nel campo dell’ agro-omeopatia saranno esposti nel corso  del seminario dal titolo “Aldilà dell’effetto placebo! L’omeopatia applicata alle piante” che si svolgerà il prossimo 18 novembre alle 9,30 a Palermo presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali. Il seminario sarà tenuto da Lucietta Betti del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna che esporrà non solo i principi di questa innovativa, quanto controversa disciplina, ma anche i risultati raccolti in venticinque anni di sperimentazioni e analizzati scientificamente. Ma in cosa consiste l’agro-omeopatia? La disciplina prevede che i principi dell’omeopatia vengano applicati a piante e colture, o per essere più precisi e corretti, ad agroecosistemi. Il settore mostra una discreta dinamicità e si moltiplicano gli…

Le riserve di Cantina Marilina si rifanno il look, cambiano nome ed etichetta

(di Redazione) Cantina Marilina, l’azienda vitivinicola che si trova tra Rosolini e Pachino e produce vini bio e vegani, cambia l’etichetta al Nero d’Avola Doc Eloro Pachino riserva, al bianco Grecanico Igp Terre Siciliane, all’aceto di Nero d’Avola e all’olio evo, le quattro etichette che rappresentano l’anima dell’azienda. La famiglia Paternò ha realizzato questa linea di vini non filtrati e non refrigerati, affinati in botte, imbottigliati e confezionati a mano in edizione limitata e numerata – solo mille bottiglie per tipologia – così come l’aceto e l’olio, con l’intento di trasmettere al consumatore l’amore che nutre per la propria terra e i propri prodotti. E per far questo ha deciso di assegnare ai quattro prodotti il nome di ciascun elemento della famiglia. Il Doc Eloro…

Dalle Cantine Pellegrino Malvasia e Zibibbo, i primi vini liquorosi bio italiani

Cantine Pellegrino

(di Redazione) Sicilia, terra di frontiera e di sperimentazioni ardite. Anche in materia di vini dove sul bio si sta concentrando grande attenzione. La scelta deriva dalla costante crescita della domanda di vini biologici che cresce di pari passo all’attenzione del consumatore, italiano e internazionale, verso i temi legati alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente. «Per assecondare questa tendenza – afferma Benedetto Renda, amministratore delegato delle Cantine Pellegrino – è nata l’idea di creare i primi vini liquorosi a marchio bio del mercato proseguendo quel percorso di valorizzazione e tutela del terroir siciliano, di cui la nostra famiglia è custode da oltre centotrent’anni». Le prime etichette bio per i vini liquorosi italiani appartengono a due prodotti delle Cantine Pellegrino. Malvasia e Zibibbo liquorosi bio sono due vini pronti…

Fascicoli aziendali incompleti e per l’agricoltura biologica non arriva il premio del bando 2015

(di Redazione) Non c’è pace per gli agricoltori che hanno scelto l’agricoltura biologica e di partecipare al bando 2015 del Psr 2014-2020. Il pagamento dei premi previsti dalla misura 11 quella, appunto, che riguarda l’agricoltura biologica, subisce ancora uno stop. Almeno fino a quando non verranno “sistemati” i fascicoli aziendali (il complesso dei dati aziendali caricati sul sistema informativo dell’Agea). Sul sito del Psr è apparso un avviso importante riferito al bando 2015 e diretto ai beneficiari in cui si avvisa che al fine di consentire ad Agea di procedere nei pagamenti delle domande pagate parzialmente e non ancora pagate, è assolutamente necessario che venga inserito l’anno d’impianto sulle particelle la cui superficie è investita ad arboreti (vigneti, oliveti, frutteti in genere). Dalle verifiche informatiche…

Premi Psr, l’attesa infinita. La difesa di Cracolici all’attacco della Cia

Antonello-Cracolici

(di Angela Sciortino) Benchè tiepida e tardiva, l’azione di pressione delle organizzazioni professionali (negli ultimi anni un tantino addormentate e appiattite sulle posizioni istituzionali) ha scosso l’inerzia della burocrazia regionale. Sulla vicenda dei premi del Psr che non sono ancora stati pagati (due annualità ancora da riscuotere per gran parte degli agricoltori siciliani), la risposta dell’assessore regionale all’agricoltura non si è fatta attendere. Antonello Cracolici ammette che ci sono stati «problemi sul bando biologico 2015,  per il quale  finora sono stati messi in pagamento circa 1.700 istanze su oltre 5.300 domande di contributo» e che «l’Assessorato Agricoltura ha chiesto ed ottenuto un terzo ciclo di pagamento automatizzato che Agea si è impegnata a realizzare entro settembre». Di quante pratiche si stia parlando, non si sa, ma «questo…

Premi Psr, l’attesa infinita. Castagna (Cia): le aziende non possono più aspettare

Castagna-Cia

(di Angela Sciortino) Troppi ritardi della burocrazia regionale e nazionale nell’erogazione dei premi Psr delle misure a superficie stanno mettendo in ginocchio le aziende agricole siciliane, già martoriate da un’annata insolitamente siccitosa, calda e pesantemente caratterizzata dagli incendi. Sono due le annualità (2015 e 2016) dei premi per le misure a superficie previste dal Psr 2015-2020 che non sono state percepiti da gran parte degli agricoltori. Si tratta in particolare delle misure 11, 12 e 13, ovverro biologico, indennità compensativa e Natura 2000. «Ritengo sia preoccupante – ha scritto Rosa Giovanna Castagna presidente regionale di Cia Sicilia, in una lettera inviata all’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici – che dopo tre anni dalla pubblicazione dei bandi e presentazione delle domande, la maggior parte delle imprese che sono…

[Video] Ecco RurAlia: non solo fattoria, ma anche “scuola di biodiversità”

(di Lisa Sanfilippo) Una fattoria didattica per conoscere l’agricoltura del territorio, ma anche i colori, gli odori e i sapori del buon cibo siciliano: ecco “RurAlia”, una struttura dedicata alla biodiversità e all’alimentazione, il cui nome è appunto espressione del connubio tra il comune di Alia, in provincia di Palermo, e la ruralità. Mission dell’azienda è la salvaguardia della qualità del cibo grazie alla valorizzazione del gusto e la scoperta dei valori nutrizionali dei prodotti siciliani. Il tutto in un’ottica di ecosostenibilità in cui si riesce a coniugare la conservazione delle risorse naturali con l’economia agricola.  La fattoria si presenta come un grande “laboratorio all’aperto”, con differenti tipologie di percorsi, da quelli culturali e ricreativi a quelli escursionistici e sportivi. All’esterno della struttura un venticello che…

1 2 3 4 5