Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Agroalimentare” (Page 2)

Archivi

Grano duro canadese nel porto di Pozzallo. Attivata la macchina dei controlli|Video

(di Angela Sciortino) L’ultima notizia circa controlli effettuati sulle navi cariche di grano attraccate nei porti siciliani, risale a poco meno di un anno fa. Fece notizia (era il 16 marzo 2018) il blocco del carico di 5mila tonnellate di grano duro prodotto in Kazakistan che, partito da Novorossijsk, il principale porto russo sul mar Nero, doveva essere scaricato nel porto di Pozzallo. Di ieri è, invece, un nuovo comunicato della Presidenza della Regione in cui viene data notizia di una nave, la “Vitosha”, battente bandiera maltese e affidata a una compagnia marittima bulgara, che è attraccata al porto di Pozzallo nel Ragusano. Lì, dopo avere scaricato al porto di Bari 20 mila tonnellate di grano duro, avrebbe svuotato le stive e consegnate le restanti 8…

Olio evo, Il premio internazionale “La Sirena d’Oro” fa tappa a Catania

la sirena d'oro

(di Redazione) Farà tappa a Catania la diciassettesima edizione del premio internazionale “La Sirena d’Oro” di Sorrento, la rassegna dedicata agli oli extravergini di oliva Dop, Igp e bio italiani, con la selezione dei migliori oli siciliani, i prossimi 15 e 16 marzo, nei saloni della Camera di Commercio etnea. Una finestra tutta siciliana, dunque, che verrà presentata venerdì 15 marzo, alle 11, nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti nel corso di una conferenza stampa alla quale parteciperanno, tra gli altri, il sindaco di Catania Salvo Pogliese, l’assessore Regionale all’Agricoltura Edy Bandiera, il presidente della Camera di Commercio Sicilia Sud/Est Pietro Agen, il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo, e Giosuè Catania, presidente del Consorzio di Tutela Per l’olio extravergine di oliva Dop Monte Etna….

Distretti del cibo. Il Gal Madonie punta a costituirne uno nel cuore della Sicilia

(di Redazione) Il Gal Madonie si prepara a partecipare alla grande scommessa dei Distretti del cibo siciliani. Questo nuovo strumento messa in campo dal ministero delle Politiche Agricole (Maurizio Martina ministro) e dall’Assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera che ha di recente firmato il decreto con i criteri per il riconoscimento interessa, e non poco, le compagini dei Gruppi di Azione Locale. L’argomento è stato oggetto di riflessione nell’assemblea del Gal che si è svolta lo scorso 14 febbraio nell’aula consiliare del Comune di Castellana Sicula. La volontà unanime di tutti i soci presenti è quella di non farsi trovare impreparati di fronte a questa nuova opportunità. «ll Gal Isc Madonie, sia come struttura sia come partenariato – afferma il presidente Santo Inguaggiato –  è pronto per…

Irvos esce dall’impasse. Accordo raggiunto con Veronafiere spa

Irvos

(di Redazione) Due mesi di trattative sono finalmente sfociate in una soluzione che mette fine al difficile impasse in cui era stato posto l’Istituto regionale Vini e Oli di Sicilia. Il contenzioso è stato risolto grazie al lavoro sinergico di legali, vertici dell’Irvo e Assessorati regionali dell’Agricoltura e dell’Economia. L’annuncio è di qualche minuto fa, ma la trattativa, secondo la nota diffusa dall’Assessorato regionale all’Agricoltura, è stata chiusa ieri sera sul tardi. Appena in tempo: fra due giorni, infatti, ci sarà l’udienza fissata a Bergamo in cui il giudice avrebbe dovuto decidere se procedere o no con lo sblocco delle somme pignorate in favore dell’Irvos e/o dei suoi dipendenti (che si erano anch’essi costituiti in giudizio). Nella tarda serata di ieri si è giunti alla sottoscrizione…

Irvos e Veronafiere ancora in trattative. Priorità a stipendi e certificazione dei vini

Veronafiere

(di Angela Sciortino) L’assessore regionale all’agricoltura Edy Bandiera non più di una settimana fa aveva invitato i dipendenti dell’Irvos a non mollare perché la meta, a suo dire, era ormai vicina. Si riferiva allo sblocco delle somme che l’Istituto ha al suo attivo ma di cui non può disporre fino a quando Veronafiere spa, che ha pignorato il pignorabile, non ritira la procedura. Il contenzioso tra Irvos, bloccato dai debiti e da un pignoramento milionario, e Veronafiere sembra avvitarsi su se stesso. E la via d’uscita, per quanto vicina, sembra rimanere sempre fuori portata per via dell’ostinazione della società veneta a non sbloccare i conti che ha pignorato. Ancora qualche giorno e l’attività di certificazione dei vini e dell’olio svolta dall’Istituto Regionale Vini e Oli di…

Fare sistema con i distretti del cibo. Le regole in un decreto dell’assessore

distretti del cibo

(di Angela Sciortino) Parola d’ordine: fare sistema. E proprio a questo si è pensato quando nella legge nazionale di bilancio per il 2018 approvata nella scorsa legislatura (era ministro Martina), per la crescita e il rilancio a livello nazionale di filiere e territori, è stata introdotta la novità dei Distretti del cibo. Si tratta di uno strumento nuovo e aggregativo volto a promuovere lo sviluppo territoriale, la coesione e l’inclusione sociale, favorire l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, garantire la sicurezza alimentare, diminuire l’impatto ambientale delle produzioni, ridurre lo spreco alimentare e salvaguardare il territorio e il paesaggio rurale. Il decreto firmato dall’Assessore Edy Bandiera con cui vengono definite le modalità e i criteri per il riconoscimento dei  Distretti del Cibo siciliano è stato pubblicato…

Dati definitivi della produzione di olio. L’Ismea conferma: il 2018 è stato annus horribilis

olio di oliva

(di Redazione) Il 2018 sarà ricordato come una delle peggiori annate di sempre per l’olivicoltura nazionale, con una produzione di olio di oliva più che dimezzata rispetto al 2017 (-57 per cento). È quanto emerge dalle ultime elaborazioni Ismea sulla base dei dichiarativi di dicembre, che collocano la produzione di olio di oliva del 2018 a 185 mila tonnellate, in ulteriore ribasso rispetto alle stime – già poco ottimistiche – presentate a ottobre, a frantoi ancora chiusi. In particolare sono state le regioni del Mezzogiorno ad accusare le perdite maggiori, con la Puglia, che da sola rappresenta circa la metà della produzione nazionale, colpita da una flessione stimabile attorno al 65%, a causa delle gelate e dei problemi fitosanitari che hanno colpito gli uliveti. Negli…

A Parigi il miglior olio nuovo è il Valle dell’Inferno e parla siciliano, anzi agrigentino

Valle dell'Inferno Olio Nuovo Days

(di Redazione) La giuria di “Olio Nuovo Days”, presieduta dallo chef Mof Eric Briffard, direttore dell’Accademia Le Cordon Bleu di Parigi, ha proclamato vincitore l’olio extra vergine di oliva 2018 “Magihouse Valle dell’Inferno – Family Reserve” di Cammarata (Agrigento) prodotto dalla famiglia Marino-Giambrone. La 4a edizione della competizione internazionale curata da Emmanuelle Dechelette che premia i migliori oli extravergini di oliva al mondo si è svolta lo scorso 19 gennaio a Parigi. La giuria era composta da due panel costituiti da ricercatori, esperti del settore, giornalisti, buyer e personalità del mondo dell’arte che hanno degustato gli oli alla cieca.  L’azienda Magihouse si è aggiudicata il podio, a seguire la giapponese Takao e al terzo posto l’azienda francese Domanine Salvador. Durante la competizione Olio Nuovo Days, sono…

Torna in Sicilia l’interesse per la frutta in guscio. Il mondo della produzione si organizza

frutta in guscio

(di Angela Sciortino) Dopo anni di crisi e di abbandono, la frutta in guscio ritrova anche in Sicilia nuovo slancio e forte interesse tra produttori e trasformatori. Ed ecco che perfino in Sicilia, dove il comparto della frutta secca, a cominciare da mandorlo e nocciolo (colture tipiche di alcuni areali come il Siracusano e l’Agrigentino per il primo, il Messinese per il secondo) era diventato marginale dal punto di vista economico, viene osservato dagli agricoltori con rinnovato interesse. Agricoltori, coop, consorzi, trasformatori e rappresentanti dei maggiori produttori si incontreranno sabato prossimo, 2 febbraio, alle 10, in una sala dell’Outlet Village di Enna per costituire il Coordinamento regionale della frutta in guscio siciliana. Il Coordinamento ha un obiettivo: gestire al meglio il trend di crescita che…

La famiglia Pellegrino apre l’archivio Ingham-Whitaker, 110 volumi di storia siciliana

Pellegrino Marsala archivio Ingham-Whitaker

(di Redazione) Gli scambi commerciali avvenuti dal 1814 al 1928, tra la città di Marsala e il resto del mondo in 110 volumi. La testimonianza storica dal valore inestimabile dell’archivio Ingham-Whitaker che racconta la storia di un territorio attraverso gli scambi commerciali, è conservata in una cantina storica e adesso è anche consultabile dal pubblico. Si trova tra i filari di botti dove viene affinato il leggendario marsala della famiglia Pellegrino – la più longeva dinastia siciliana del vino, oggi giunta alla sesta generazione, produttrice di vini bianchi e rossi, passiti di Pantelleria e Marsala.  Lo spazio per la conservazione la consultazione dell’archivio, climatizzato e al riparo dalla luce diretta del sole che potrebbe danneggiare i preziosi volumi, prende il nome dalle famiglie inglesi che…

1 2 3 4 17

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.