Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Agricoltura” (Page 77)

Archivi

Federica Argentati, assessore regionale all’agricoltura della giunta 5 stelle

(di Redazione) Federica Argentati, agronomo classe ’65, assessore designato all’Agricoltura per un’eventuale giunta a 5 stelle non ha dubbi: «L’agricoltura, assieme al turismo, dovrebbe essere uno dei motori trainanti della Sicilia, ma invece non lo è, anzi, spesso rischia di diventarne la palla al piede, con terreni agricoli abbandonati e persone in fuga dal settore. Dobbiamo invertire la tendenza. Formule magiche non ne esistono, ma ricette parecchie, che bisogna mettere in pratica con l’aiuto di tutti, dalle numerose filiere produttive del settore, alla burocrazia regionale, ai tanti dirigenti, funzionari ed impiegati che devono essere coinvolti nella politica di rilancio del settore». La Argentati, casella numero uno nello scacchiere di governo 5 stelle ad essere occupata, è stata presentata oggi ai giornalisti dal candidato del Movimento…

Premi Psr, l’attesa infinita. La difesa di Cracolici all’attacco della Cia

Antonello-Cracolici

(di Angela Sciortino) Benchè tiepida e tardiva, l’azione di pressione delle organizzazioni professionali (negli ultimi anni un tantino addormentate e appiattite sulle posizioni istituzionali) ha scosso l’inerzia della burocrazia regionale. Sulla vicenda dei premi del Psr che non sono ancora stati pagati (due annualità ancora da riscuotere per gran parte degli agricoltori siciliani), la risposta dell’assessore regionale all’agricoltura non si è fatta attendere. Antonello Cracolici ammette che ci sono stati «problemi sul bando biologico 2015,  per il quale  finora sono stati messi in pagamento circa 1.700 istanze su oltre 5.300 domande di contributo» e che «l’Assessorato Agricoltura ha chiesto ed ottenuto un terzo ciclo di pagamento automatizzato che Agea si è impegnata a realizzare entro settembre». Di quante pratiche si stia parlando, non si sa, ma «questo…

La manna delle Madonie in cerca della denominazione di origine protetta

(di Antonino Cicero) Per la manna della Madonie si prospetta la Dop, la denominazione di origine protetta. È quanto sta chiedendo “Manna madonita”, il consorzio costituito alla fine del 2015 e che mette dentro quattro cooperative (La 50, Oasi, Nuova Alba, Il Girasole) e circa 35 giovani. È la prima ipotesi compiuta di rete tra produttori nel territorio d’elezione, nel pezzo di Sicilia compreso tra Castelbuono e Pollina. I giovani produttori, intanto selezionati dall’Assessorato regionale delle Attività produttive per volare al Salone internazionale di Shanghai, al fine di creare maggiore appeal sul mercato e intercettare canali e fasce medio-alte di vendita per la manna delle Madonie, sono impegnati, oltre che nella richiesta della Dop, a fare il loro ingresso in Slow Food come consorzio (unico…

Premi Psr, l’attesa infinita. Castagna (Cia): le aziende non possono più aspettare

Castagna-Cia

(di Angela Sciortino) Troppi ritardi della burocrazia regionale e nazionale nell’erogazione dei premi Psr delle misure a superficie stanno mettendo in ginocchio le aziende agricole siciliane, già martoriate da un’annata insolitamente siccitosa, calda e pesantemente caratterizzata dagli incendi. Sono due le annualità (2015 e 2016) dei premi per le misure a superficie previste dal Psr 2015-2020 che non sono state percepiti da gran parte degli agricoltori. Si tratta in particolare delle misure 11, 12 e 13, ovverro biologico, indennità compensativa e Natura 2000. «Ritengo sia preoccupante – ha scritto Rosa Giovanna Castagna presidente regionale di Cia Sicilia, in una lettera inviata all’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici – che dopo tre anni dalla pubblicazione dei bandi e presentazione delle domande, la maggior parte delle imprese che sono…

Su Nero d’Avola e Grillo a Doc o Igt, guerra a suon di carte bollate

(di Angela Sciortino) Il ricorso è stato rigettato, secondo l’associazione “Igt Terre Siciliane”. Ma per la Duca di Salaparuta Spa, ricorrente, è vero esattamente il contrario: è stato accolto. Il Tar del Lazio ha sospeso il decreto del Ministero delle Politiche Agricole con il quale era stato vietato, per i vini Igt della vendemmia 2017 che contenessero almeno 85% di Nero d’Avola o di Grillo, rispettivamente la dicitura “Nero d’Avola – Terre Siciliane Igt” e “Grillo – Terre Siciliane Igt”. Una sospensione temporanea per la verità e decisamente “ad personam” perchè sarebbe valida solo per la ricorrente, la Duca di Salaparuta Spa, per l’appunto Ad essa è consentito, ancora e soltanto per la campagna vendemmiale in corso, l’indicazione in etichetta della Igt dei vitigni Grillo…

Presentato il nuovo Cda dell’Istituto zootecnico della Sicilia

L’Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia torna ad avere il suo Consiglio di amministrazione. Oggi l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici ha presentato a Palermo i tre componenti del nuovo organo di governo. Vito Sinatra, capo della segreteria tecnica dell’Ufficio di gabinetto dell’Assessorato Agricoltura e commissario uscente dell’istituto, è stato nominato presidente. Gli altri due componenti sono Antonino Virga, veterinario, dirigente servizio Sanità Animale dell’Assessorato regionale alla Salute e Adriana Bonanno, docente di zootecnia speciale presso il Dipartmento di Scienze Agrarie dell’Università di Palermo. Il Collegio dei revisori dei conti sarà composto da Giuseppe Pagano, Irene Pantano e Giuseppe Polizzotto. L’Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia promuove attività di tutela, allevamento e sperimentazione zootecnica e faunistica, e gestisce l’unico centro regionale pubblico di produzione di selvaggina. Negli…

Viticoltura e siccità, si lavora per il riconoscimento della calamità naturale

(di Angela Sciortino) Sarà dichiarata la calamità naturale per la viticoltura siciliana? Forse. L’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici ci tenta e «ha dato mandato agli uffici, in particolare all’Ispettorato di Trapani – così si legge in una sua breve nota – di predisporre una relazione da sottoporre alla valutazione della Giunta regionale, per dichiarare lo stato di calamità e di emergenza per la vitivinicoltura siciliana». «Il grande caldo di questi giorni – afferma Cracolici – sta facendo perdere migliaia di quintali di uva, determinando il disastro nella produzione vitivinicola di questa annata. Tutto ciò conferma l’effetto della siccità che, a detta di molti agricoltori, ha determinato una situazione mai vista in precedenza. Per queste ragioni ho informato il Ministero dell’Agricoltura della situazione che in questo…

I consorzi di bonifica passano da 11 a 2: approvato statuto e regolamento

consorzi-di-bonifica

(di Angela Sciortino) La Giunta regionale ha approvato lo statuto e il regolamento dei consorzi di bonifica della Sicilia occidentale e della Sicilia orientale. «Dopo il via libera da parte della Commissione Attività Produttive dell’Ars e l’approvazione della proposta in giunta, l’iter si concluderà con il decreto finale del Presidente della Regione che renderà finalmente operativa la legge di riordino dei consorzi di bonifica che prevede l’accorpamento dei consorzi da 11 a 2», ha annunciato l’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca Mediterranea Antonello Cracolici. «Si avvia, così, finalmente a conclusione il complesso iter sulla riorganizzazione dei consorzi di bonifica in Sicilia che – ha tenuto a sottolineare Cracolici – ha visto il pieno coinvolgimento dei sindacati su ogni aspetto procedurale» e che ha una storia travagliata:…

Al via la vendemmia 2017. Le previsioni: ottima qualità, ma quantità in leggero calo

(di Redazione) Come ogni anno il vigneto siciliano regalerà una vendemmia lunga e variegata. Si prevede di buon livello dal punto di vista qualitativo ma certamente meno abbondante rispetto alle due precedenti annate in termini di quantità. È questo il quadro generale delineato dalle cantine di Assovini Sicilia, l’associazione che riunisce 76 aziende siciliane di piccole e medie dimensioni. Sulla stessa lunghezza d’onda le previsioni del Consorzio Doc Sicilia secondo cui la vendemmia 2017 regalerà uve sane e in ottime condizioni. Le stime sulla produzione delle uve in senso quantitativo indicano un leggero calo rispetto alla vendemmia del 2016 con possibili riduzioni più marcate soprattutto in alcune aree più costiere e dove non è possibile intervenire con l’irrigazione di soccorso per far fronte alla maggiore evapotraspirazione…

La guerra dei marchi dei grani antichi siciliani: partita ancora aperta

(di Angela Sciortino) Non solo Strazzavisazza, Maiorca e Timilìa insieme alla sua versione dialettale Tumminìa. Nel database dell’Ufficio Marchio e Brevetti ci sono tanti altri marchi in cui da soli, o insieme ad altre parole, sono indicate le denominazioni di alcuni grani antichi siciliani tornati tanto di moda in pizzerie a la page e ristoranti stellati. I tre (o meglio quattro) marchi sono quelli che nelle scorse settimane hanno spopolato sui social per una rovente polemica sull’uso di queste dizioni rivendicata in esclusiva da una società con sede a Verona. É bastato qualche giorno di feroci critiche perché la società veronese (ma un tempo siciliana) Terra e Tradizioni dichiarasse di non avere più nessuna intenzione di imporre royalties o altri limiti ai produttori siciliani e…

1 75 76 77 78 79

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.