Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Agricoltura” (Page 44)

Archivi

Vini Doc. Sinergia tra Doc Sicilia e Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc

ocm vino

(di Redazione) Una nuova sinergia nel mondo vinicolo siciliano. Con un accordo firmato nei giorni scorsi, il Consorzio di tutela del Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc (riconosciuto il 10 febbraio 2017 dal Ministero delle Politiche Agricole) ha affidato al Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia il ruolo di consulente per la gestione degli aspetti operativi. Ma in cosa consiste concretamente l’accordo sottoscritto da Antonio Rallo e Massimo Maggio, presidenti rispettivamente del Consorzio Doc Sicilia e del Consorzio di Tutela del Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc? Il Consorzio che ha sede a Ragusa (31 aziende in tutto, 870mila bottiglie di Cerasuolo Docg e 307mila a Doc Vittoria) verrà assistito nelle diverse fasi della sua attività: dall’amministrazione all’attività di promozione, dai rapporti con…

Agrumi in crisi: dal Mipaaf i primi impegni per restituire competività al comparto

agrumi

(di Angela Sciortino) Quando era stato convocato il Tavolo del settore agrumicolo, il fondo di 10 milioni di euro (in tre anni) era già disponibile perchè inserito nella legge di stabilità 2018. Non si è trattato di una novità, dunque. Ma nel gioco delle parti ha avuto un ruolo importante. Perchè il sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione, che sostituiva l’assente ministro Maurizio Martina alla presidenza della riunione, l’ha presentato come uno strumento di grande utilità: «Dobbiamo restituire competitività al comparto agrumicolo – ha dichiarato il Sottosegretario Castiglione – attraverso un approccio realmente integrato e capace di utilizzare tutte le risorse a disposizione per gli imprenditori agrumicoli. Per fare ciò bisogna ripristinare il potenziale produttivo, pensare al rinnovo varietale e, attraverso il Fondo Agrumicolo di 10 milioni di euro…

Dop e Igp: 8 su 10 nascono nei piccoli comuni. Al Sud il primato è della Sicilia

dop-e-igp

(di Redazione) In otto casi su dieci i prodotti Dop e Igp italiani nascono sul territorio di comuni con meno di 5 mila abitanti. Tra le regioni del Sud la Sicilia conquista il primo posto per il maggior numero di prodotti a marchio territoriale Dop e Igp che nascono nei piccoli comuni. Due le specialità che rappresentano il risultato esclusivo di queste piccole realtà, di cui hanno ereditato anche il nome geografico: la pesca di Bivona e il salame Sant’Angelo. Il dato emerge dall’esclusivo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità” presentato dalla Coldiretti a Roma a Palazzo Rospigliosi in occasione dell’apertura dell’”Anno nazionale del cibo italiano nel mondo” per raccontare un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, che potrà ora essere…

Il 15 e 16 gennaio a Ragusa breve corso sulla potatura dell’olivo

(di Redazione) Lunedì 15 e martedì 16 gennaio 2018 presso il Poggio del Sole Resort e la Tenuta Chiaramonte di Ragusa si svolgerà la quarta edizione del “Breve corso di aggiornamento sulla potatura di allevamento e produzione dell’olivo”, organizzato dall’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio. Obiettivo del corso, rivolto a principianti e a potatori esperti, sarà presentare i criteri e le soluzioni per gestire la potatura in modo razionale ed economico e dare le basi teoriche e pratiche per l’esecuzione semplificata di questa pratica. Particolare importanza sarà data alle tecniche e alle attrezzature che permettono di semplificarne e velocizzarne l’esecuzione. Il corso prevede tre sessioni in aula e tre incontri dimostrativi in campo per un totale di sei + otto ore di lezione frontale tenute da tre…

Cia Sicilia a Bandiera: sbloccare i pagamenti Psr e intervenire per i danni da siccità

(di Angela Sciortino) Il valzer degli incontri tra il neo assessore all’Agricoltura Edy Bandiera e i rappresentanti dei produttori, prosegue senza soste. Dopo l’incontro con il Distretto Agrumi, nei giorni scorsi è stata la volta della Cia, la Confederazione Italiana Agricoltori. Che all’assessore ha ricordato e sottolineato numerose emergenze. A cominciare dai ritardi dei pagamenti delle misure a superficie previste dal Psr, biologico e indennità compensative in testa. «La situazione è già oltre ogni limite: controlli su controlli, ben cinque in più rispetto alle altre regioni, e accade pure che domande dichiarate valide al momento del rilascio informatico, vengano chieste correzioni a distanza di ben due anni – ha sbottato durante l’incontro in assessorato Rosa Giovanna Castagna, presidente regionale della Cia, parlando a proposito dei…

Accordo Limone di Siracusa Igp – Stock per un limoncello “premium selection”

limone di Siracusa Igp

Verrà presentato martedì 9 gennaio alle 12,30 a Siracusa e in contemporanea a Roma e a Milano, Syramusa, il nuovo prodotto che la Stock produrrà in base a un recente accordo con il Consorzio Limone Igp di Siracusa e che rappresenta una selezione premium del già noto Limoncè. La presentazione ufficiale alle autorità, alla stampa e ai soci del Consorzio avverrà presso i locali della Camera di Commercio.

Agrumi, grandi malati dell’agricoltura siciliana. Il Distretto incontra l’assessore

Bandiera agrumi

(di Angela Sciortino) Siccità, Tristeza, mal secco e prezzi irrisori hanno messo in ginocchio il comprato agrumicolo siciliano. Il quadro a tinte fosche è stato esposto oggi all’assessore all’agricoltura Edy Bandiera durante l’incontro con una delegazione del Distretto Agrumi di Sicilia. All’assessore è stato anche proposto un piano di azioni da mettere immediatamente in cantiere e dal costo contenuto. «Ma – afferma Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia – a queste azioni bisogna affiancare il supporto di politiche strutturali di più lungo periodo per le quali occorre fare pressione a livello nazionale e comunitario. Non c’è tempo da perdere, bisogna muoversi in fretta». Le proposte sono tutte in un corposo documento in cui il Distretto mette in testa la necessità di «fare valere…

Progetti per l’ambiente al 100 per cento per agricoltori in aree sensibili

ambiente-parco-dei-nebrodi

(di Angela Sciortino) È partita l’operazione 4.4.c del Psr Sicilia dedicata agli “Investimenti non produttivi in aziende agricole per la conservazione della biodiversità, la valorizzazione del territorio e per la pubblica utilità”. La misura, il cui bando è stato pubblicato lo scorso 2 gennaio sul sito psrsicilia.it ha una dotazione di 15 milioni di euro con cui verranno finanziati in pratica progetti per la tutela dell’ambiente, mira al miglioramento e alla valorizzazione di specifici aspetti vegetazionali, naturalistici ed ecosistemici di alcune aree agricole di importanza ambientale, nonché al recupero di particolari habitat vegetali tipici della macchia mediterranea. Gli investimenti, sia chiaro, non sono finalizzati alla produzione agricola e zootecnica, ed essendo caratterizzati da pubblica utilità, possono fruire della totale copertura finanziaria a carico del Piano di…

Il futuro dei consorzi di bonifica e le potenzialità del cibo siciliano secondo Edy Bandiera

Pubblichiamo l’ultima parte di una lunga intervista rilasciata dall’assessore all’agricoltura, allo sviluppo rurale e alla pesca in cui le domande hanno spaziato dai controlli sui prodotti agricoli in entrata nell’Isola al problema della certificazione antimafia da cui non può prescidere il pagamento dei premi comunitari agli agricoltori. In questa terza e ultima parte si affronta il tema dei consorzi di bonifica oggetto di numerose modifiche organizzative e quello del patrimonio enogastronomico visto come elemento di grande attrattività turistica.

Il Consorzio Doc Sicilia apre alle vendemmie tardive di Grillo, Inzolia e Catarratto

grillo-2

(di Angela Sciortino) Con la decisione di modificare l’articolo 6 del disciplinare di produzione circa le caratteristiche al consumo della tipologia vendemmia tardiva di Grillo, Inzolia e Catarratto, il Consorzio della Doc Sicilia viene incontro alle richieste dei produttori di Grillo “diverso” facendo rientrare così la polemica che si era innescata all’interno del Consorzio tra i big del vino e i piccoli produttori “ribelli”. Quelli che avevano mal digerito la decisione di qualche mese fa con cui è stato modificato il disciplinare imponendo la Doc Sicilia per i vini monovitigni di Grillo e Nero d’Avola. Le modifiche approvate dall’assemblea assecondano le esigenze di alcune cantine che avevano segnalato come diversi vini rimanevano esclusi dalla Doc Sicilia perché, viste le modalità di produzione, era impossibile rientrare…

1 42 43 44 45 46 53

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.