Privacy Policy
Home / Archivio per Categoria “Agricoltura” (Page 3)

Archivi

Nasce Sikania, il distretto del cibo bio-mediterraneo della Sicilia centro-occidentale

Sikania

(di Redazione) Nasce “Sikania“, il Distretto del cibo bio-mediterraneo. L’iniziativa è stata avviata nel contesto territoriale che si sviluppa dai Monti Sicani sino al parco archeologico di Selinunte e Agrigento e che si estende su una superficie di circa 80mila ettari nella Sicilia centro occidentale, dove insistono cinque riserve naturali. Ventotto i comuni coinvolti: Corleone, Campofiorito, Bisacquino, Chiusa Sclafani, Giuliana, Palazzo Adriano, Prizzi, Contessa Entellina, Partinico, Monreale, Agrigento, Burgio, Bivona, Santo Stefano Quisquina, Caltabellotta, Sambuca di Sicilia, Menfi, Santa Margherita di Belice, Montevago, Sciacca, Santa Elisabetta, Porto Empedocle, Raffadali, Cammarata, Licata, Caltanissetta, Riesi e San Cono.  Soggetto capofila della costituita Ats Sikania è il Bio Distretto Borghi Sicani con sede a Sambuca di Sicilia, guidato dalla presidente Antonella Murgia. «Gli obiettivi del Distretto del cibo…

Export arance in Cina. A Roma un tavolo tecnico presso il Mise

Arance in Cina

(di Redazione) Si è riunito nella mattinata di oggi, 22 luglio, a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico, convocato da Fabrizio Lucentini, direttore generale per le politiche di internazionalizzazione, un tavolo tecnico sull’export delle arance italiane in Cina.  Al tavolo, insieme a Mise, Mipaaft, Ice, Ice Pechino e Ambasciata italiana a Pechino, Regione Siciliana con il Servizio fitopatologico e il Servizio marketing, organizzazioni di categoria, Distretto Agrumi e Consorzio di tutela dell’arancia rossa di Sicilia Igp, sono state invitate tutte le imprese autorizzate all’export degli agrumi verso la Cina e quindi in regola con i rigidi protocolli imposti dall’accordo: al tavolo erano presenti La Normanna, Paimfrut, Barbera International e Oranfrizer. «Per affrontare un mercato nuovo e di grandi dimensioni come quello cinese – ha…

Riconoscimento distretti del cibo. La prima istanza è del Nebrodi-Valdemone

Nebrodi-Valdemone

(di Redazione) Il primo Distretto del cibo a presentare domanda di riconoscimento Dipartimento Regionale dell’Agricoltura è quello dei Nebrodi – Valdemone. Ne danno notizia il presidente Francesco Calanna e Giusi Maniaci rispettivamente presidente e direttrice del Biodistretto dei Nebrodi che sottolineano come l’aggregazione sia altamente rappresentativa della qualità raggruppando aziende e territori in cui si realizza, almeno per varietà, buona parte dei prodotti tipici della regione. Sono, infatti, 280 i partner e 177 le imprese agricole ed agroalimentari aderenti, alcune decine di aziende operanti nel settore della trasformazione e dell’accoglienza, svariate associazioni, ivi compresi i consorzi di tutela del germoplasma vegetale, del salame di Sant’Angelo, della provola dei Nebrodi; ed ancora, tre gruppi di azione locale – Gal Nebrodi Plus, Gal Taormina Peloritani e Gal…

Dieci minuti con…Ambrogio Vario. Puntata dedicata al frumento duro siciliano

Siciliarurale.eu torna su Facebook in diretta e successivamente anche in differita sul sito web con il nuovo format intitolato “Dieci minuti con…”. Questa settimana in studio abbiamo invitato Ambrogio Vario, agricoltore delle basse Madonie che produce grano duro e legumi adottando i principi dell’agricoltura “bioetica” e che immette in commercio i prodotti con una insolita etichetta in cui “racconta” il loro percorso economico. Indica i costi di produzione, quelli di trasformazione, di confezionamento e di trasporto. È indicato anche il margine che deve essere riconosciuto a chi produce. La differenza tra la cifra riscossa dal produttore e quella pagata dal consumatore nella vendita al dettaglio corrisponde al ricarico (inevitabile) degli altri attori della filiera della distribuzione. Nei “Dieci minuti con…” abbiamo anche chiacchierato su come…

Troppe frodi sul vino. Cia Sicilia occidentale: servono più controlli

nas carabinieri controlli

(di Redazione) I motivi della crisi del vino comune siciliano? «Sono da ricercare in gran parte nella pratica dello zuccheraggio e nelle frodi. La prima è legale ma sottrae grandi fette di mercato ai mosti siciliani, le seconde sono diventate fin troppo numerose», la pensa così Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale, commentando l’ultima operazione portata a termine nei giorni scorsi dai Nas dei Carabinieri e dall’Unità investigativa dell’Ispettorato Centrale repressione frodi, tra Puglia, Campania, Lazio e Abruzzo. Con Ghost Wine, così è stato chiamato l’ultimo blitz con cui è stata sventata una maxi sofisticazione di vino che ha portato all’arresto di undici persone e al sequestro di sei aziende, è stato smascherato un sistema fraudolento finalizzato alla produzione e alla distribuzione di vino contraffatto…

Un accordo quadro per lo sviluppo della filiera della nocciola siciliana

nocciola

(di Redazione) È stato presentato questa mattina dall’assessore regionale per l’agricoltura, Edy Bandiera, l’accordo quadro della “Filiera della nocciola siciliana”. L’accordo, che vede coinvolti produttori agricoli, organizzazioni di produttori, centri di stoccaggio, imprese di trasformazione e commercializzazione delle nocciole, associazioni di consumatori, università e centri di ricerca,  presenti all’incontro di questa mattina, ha l’obiettivo di promuovere la nocciola di qualità coinvolgendo tutti gli attori della filiera, al fine di rilanciare un comparto che ha straordinarie potenzialità di crescita. Tra gli altri obiettivi dell’accordo: lo sviluppo economico e produttivo del territorio, la salvaguardia dell’ambiente, il contrasto allo spopolamento, la realizzazione di un sistema di certificazione della qualità e di tracciabilità delle produzioni, la valorizzazione e promozione delle produzioni certificate, anche al fine di garantire adeguate remunerazioni…

Mappatura dei sistemi di irrigazione, al via il progetto A.C.Q.U.A.

irrigazione

(di Redazione) Saranno almeno un centinaio le aziende agrumicole siciliane coinvolte nella mappatura sulle pratiche di irrigazione esistenti e le esigenze delle imprese, avviata nell’ambito del progetto “A.C.Q.U.A. – Agrumicoltura Consapevole della Qualità e Uso dell’Acqua”. Il progetto è promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia e dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura (Dicar) dell’Università di Catania, con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Tre rilevatori, Fabio Sampognaro, Giuliana Ippolito e Gianmarco Ruggeri, coordinati da Carmelo Asero, tutti agronomi, hanno già avviato le visite nelle aziende per somministrare un apposito questionario, messo a punto con un serrato confronto con gli imprenditori agrumicoli, utilizzando competenze tecniche agronomiche e di ingegneria idraulica degli agronomi, sotto la supervisione di Antonio Cancelliere, Ordinario di Costruzioni Idrauliche, Marittime e…

Doc Pantelleria: i “Viddrani” lanciano una petizione per tutelare il vino dell’Isola

vini Pantelleria Doc

(di Angela Sciortino) Gli abitanti di Pantelleria ancora non l’hanno mandata giù. È passato quasi un mese da quando l’assemblea dei soci del Consorzio di Tutela dei vini di Pantelleria Doc ha deciso di modificare il disciplinare, introducendo la possibilità di indicare la menzione Sicilia, novità che però non è stata accolta con favore dai viticoltori dell’isola del vento. Il motivo? Soprattutto uno: una scelta di questo tipo, sostengono, è destinata in breve tempo a generare confusione oltre che a snaturare l’unicità del prodotto pantesco. Così qualche giorno fa, esattamente il 10 luglio scorso, il comitato spontaneo autodefinitosi “I Viddrani” ha lanciato una petizione sul portale Change.org, indirizzata al Ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, affinché non venga ratificata la modifica del disciplinare dei vini Doc…

Pesca di Delia a un passo dall’Igp. Il 18 luglio assemblea per il pubblico accertamento

Pesca di Delia Igp

(di Angela Sciortino) La pesca di Delia a un passo dal riconoscimento dell’Igp. Dopo l’ok della Regione, adesso è la volta dell’assemblea di pubblico accertamento che è stata fissata per il 18 luglio alle 17,00 presso l’aula consiliare del Comune di Delia (via Capitano Lo Porto n. 1).  Alla presenza dei funzionari del Ministero delle Politiche agricole e della Regione verrà data lettura della proposta di disciplinare della Igp “Pesca di Delia” per ottenere, questa volta, anche il disco verde dei produttori. Ma la seduta serve anche ad acquisire eventuali osservazioni che danno luogo a modifiche della proposta iniziale. «La riunione di pubblico accertamento – spiega Salvatore Fontanazza, presidente dell’associazione per la tutela della Pesca di Delia Igp – viene organizzata per consentire al Ministero…

Alluvioni 2018, domande di risarcimento danni entro il 26 luglio

danni da piogge battenti e alluvione

(di Redazione) C’è tempo fino al 26 luglio prossimo per presentare le istanze per il riconoscimento dei danni alle produzioni agricole provocati dalle alluvioni che si sono verificate in Sicilia nei mesi di ottobre e novembre dello scorso anno. A scanso di equivoci e per evitare di creare false illusioni, è bene ripetere quello che è scritto nell’avviso dell’assessorato regionale all’agricoltura: al momento non c’è copertura finanziaria.  Il riconoscimento della calamità naturale con la relativa delimitazione delle aree colpite è nel decreto ministeriale n. 5624 dello scorso 23 maggio che è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale al n. 135 del 11 giugno 2019. È da questa data che decorre il termine di 45 giorni per la presentazione delle istanze, termine che scade, come già detto,…

1 2 3 4 5 47

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.