Privacy Policy
Home / Agroalimentare / All’Isola del Tesolio, l’olio Igp Sicilia protagonista della dieta mediterranea

All’Isola del Tesolio, l’olio Igp Sicilia protagonista della dieta mediterranea

olio evo dieta mediterranea

(di Redazione) Si svolgerà sabato 8 settembre, dalle ore 9 alle ore 12 presso il Giardino di Costanza di Mazara del Vallo, la dodicesima edizione de L’isola del Tesolio. Una giornata interamente dedicata alla Sicilia e al suo olio extravergine d’oliva, organizzata e promossa dal Cofiol, il Consorzio della filiera olivicola presieduto da Alessandro Chiarelli da luglio 2017.
Il tema del dibattito dell’edizione 2018 sarà l’utilizzo dell’olio extravergine di oliva a marchio Igp Sicilia nella dieta mediterranea. Grazie alle sue straordinarie qualità nutritive, l’extra vergine costituisce da sempre il prodotto fondamentale della cucina italiana. Alimento indispensabile nella dieta mediterranea, lo si ritrova in tutti i principali piatti della tradizione popolare. L’olio extra vergine per la sua delicatezza e i suoi bassi contenuti di grassi, permette di creare piatti bilanciati sia dal punto di vista nutritivo che del gusto. È proprio grazie al suo uso che la dieta mediterranea è diventata un vero e proprio modello nutrizionale, in grado di coniugare ottimi sapori ad una vita longeva. Diversi studi hanno già dimostrato i numerosi vantaggi per la salute derivanti dalla dieta mediterranea, a cominciare dal mantenimento del peso corporeo ideale. 

Le origini della dieta mediterranea si perdono indietro nel tempo, frutto della saggezza millenaria dei popoli del bacino del Mediterraneo che è giunta fino a noi con il suo bagaglio di storia, cultura e tradizioni. Una dieta ricca, salutare, semplice ma al tempo stesso variegata e completa. Insieme all’olio di oliva extravergine troviamo anche pane, pasta, legumi, latte e formaggi, frutta, verdure e ortaggi, pesce e carni, sono questi i cibi più rappresentativi della tradizione alimentare mediterranea, tradizione che anche nei Paesi più industrializzati viene oggi proposta come modello ideale di alimentazione.  

In questo paniere, l’olio extra vergine di oliva occupa un posto di primaria importanza in quanto principale fonte di lipidi, l’energia di riserva che serve al nostro corpo per svolgere le funzioni vitali. L’assunzione di grassi è essenziale per una buona alimentazione, ma bisogna saper selezionare il tipo di grasso migliore per il nostro metabolismo. Proprio per questa ragione si deve scegliere l’olio d’oliva, capace di fornire grassi nella forma migliore per l’organismo, vale a dire sotto forma di acidi grassi monoinsaturi, che sono estremamente digeribili e aiutano a mantenere nel migliore dei modi il nostro organismo, fornendo un sostanziale equilibrio tra colesterolo “buono” (che funziona come “spazzino delle arterie”) e quello “cattivo”. Inoltre è una fonte di vitamine e un aiuto per l’assimilazione delle vitamine contenute negli altri cibi. Per ottenere tutto questo, è necessario però consumare sempre e solo un prodotto di alta qualità. 

olio evo dieta mediterranea«Grazie all’attività del Consorzio – afferma Alessandro Chiarelli, presidente del Cofiol – riusciamo a dar voce e a promuovere  gli olivicoltori  e i  frantoiani  siciliani. Il nostro obiettivo è quello di creare un modello vincente di filiera olivicola che possa aumentare la capacità produttiva dei singoli olivicoltori, per poter immettere sul mercato un prodotto competitivo dal punto di vista qualitativo e quantitativo. In questo modo l’Igp Sicilia pilastro della tanto celebrata e apprezzata dieta mediterranea, così come tutte le produzioni di eccellenza dell’isola che vanta il maggior numero di Dop, avrà la diffusione che merita».

Per uno sviluppo del comparto siciliano è fondamentale l’associazionismo tra i frantoiani e gli olivicoltori. L’olivicoltura, infatti, è una pratica molto complessa e occorre valorizzare la millenaria tradizione olivicola siciliana attraverso l’uso consapevole e intelligente delle nuove tecnologie. Per questo motivo l’associazionismo è fondamentale, dai frantoiani dipende la lavorazione e la destinazione del prodotto. Sono loro che in questa partita giocano un ruolo chiave e strategico. 

La Sicilia dell’olio e delle olive ha grandissima potenzialità. A parlare chiaro sono i numeri. Nell’Isola esistono circa 150 diverse varietà di olive e la regione è il terzo produttore nazionale dopo Puglia e Calabria. In Sicilia, secondo i dati forniti da Agea, ci sono 619 tra frantoi oleari e oleifici attivi, distribuiti in tutte le nove province siciliane: 124 a Palermo, 91 ad Agrigento, 84 a Messina, 67 a Catania, 44 a Enna, 36 a Siracusa, 33 a Ragusa, 97 a Trapani e 43 a Caltanissetta. Sei le Dop presenti nell’area olivicola siciliana, rispettivamente nelle province di: Trapani con due oli Dop (Valli Trapanesi, Valle del Belice), Palermo (Val di Mazara), Messina (Valdemone), Catania (Monte Etna), Ragusa (Monti Iblei).

Al convegno Dieta mediterranea e olio IGP Sicilia, migliori alleati per il nostro benessere. Verso orizzonti di sostenibilitàdi sabato 9 settembre, moderato dalla giornalista di Class Tv Tarsia Trevisan, interverranno Alessandro Chiarelli, presidente Cofiol, Francesco Tabano, presidente Federolio (Federazione Nazionale del Commercio Oleario), Giuseppe Montalto, professore ordinario Università degli Studi di Palermo, biomedico di medicina interna e specialistica, Paolo Inglese, professore ordinario presso Università degli Studi di Palermo, Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali, Edy Bandiera, assessore regionale all’agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea e Beniamino Tripodi della Pieralisi, azienda produttrice di tecnologie per impianti oleari.

A seguire, sempre nella giornata di sabato 8 settembre, dalle ore 12 alle 13, la consueta consegna dei premi “Oliva d’Oro – Selezione Speciale Barbera” che premia, ogni anno, le personalità che nei diversi ambiti si sono contraddistinte nella promozione e diffusione della cultura dell’olio extravergine siciliano.

Il Cofiol nasce nel 2011 su impulso di Manfredi Barbera di Premiati Oleifici Barbera che ha proseguito il lavoro di aggregazione di filiera iniziato nel 2001 dal Consorzio Oleifici Siciliani. Oggi il consorzio è oggi composto da sei stabilimenti di confezionamento e stoccaggio di olio extra vergine di oliva di origine protetta (Dop Monte Etna, Dop Valle del Belice, Dop Val di Mazara, Dop Valli Trapanesi, Dop Monti Iblei, Dop Valdemone), una rete di 54 frantoi che, negli ultimi tempi, ha saputo investire in tecnologia e sviluppo oltre che nelle fonti di energia rinnovabile, e 230 olivicoltori e una organizzazione di produttori (Op). Il tutto coinvolge complessivamente oltre 5 mila olivicoltori.