Privacy Policy
Home / News / Al via operazione verità sul patrimonio immobiliare rurale della Regione

Al via operazione verità sul patrimonio immobiliare rurale della Regione

patrimonio rurale

(di Redazione) Tra ex feudi, piccoli lotti di terreno superstiti della riforma agraria e masserie, la Regione, sia direttamente che tramite i propri enti strumentali, possiede qualcosa come 550 mila ettari di terreno. A questi poi si aggiungono anche alcuni capannoni di industrie alimentari dismesse. Solo l’Ente di sviluppo agricolo è proprietario di circa 400 mila ettari; il Dipartimento per lo Sviluppo rurale ne gestisce, invece, 150 mila. E poi ci sono gli immobili appartenenti alle Aziende sanitarie provinciali, provenienti essenzialmente da lasciti e donazioni di benefattori. 

Dopo il primo incontro con i dirigenti delle Finanze, dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale, della Salute e dell’Esa, la situazione del patrimonio fondiario della Regione Siciliana al presidente Nello Musumeci è apparsa, per dirla con un eufemismo, piuttosto disordinata. Ma in questa ingarbugliata matassa il governatore intende mettere ordine dopo che neppure l’istituzione della Banca della terra che risale al 2014 è servita a razionalizzare i fondi rustici per scopi di valenza sociale e per creare nuova occupazione. 

«Per la stragrande maggioranza di questi beni – ammette Musumecimancano dati dettagliati e valutazioni agronomiche. Inutile dire che tra le pieghe di tanta indifferenza, che ha caratterizzato negli anni la gestione del patrimonio pubblico in Sicilia, si annidano mafiosi, speculatori, opportunisti e qualche ‘amico del giaguaro’, che detengono senza alcun titolo immobili non di loro appartenenza».

E continua: «L’operazione verità sul patrimonio immobiliare della Regione richiederà tempo, ma verrà perseguita senza tentennamenti. Di certo siamo di fronte a una giungla di dati, competenze, appunti, che a tutt’oggi non consente di avere un quadro completo, aggiornato e dettagliato degli immobili rustici e urbani di proprietà della Regione e dei suoi enti strumentali».

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.