Privacy Policy
Home / Agroalimentare / A SICILIA DI GUSTO un buongiorno tutto siciliano: dolci da forno e cornetti CLICCA PER IL VIDEO

A SICILIA DI GUSTO un buongiorno tutto siciliano: dolci da forno e cornetti CLICCA PER IL VIDEO
di Roberta Mannino

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuova puntata di ‘SICILIA DI GUSTO’, il progetto realizzato in collaborazione con la Regione Siciliana, Dipartimento delle Attività Produttive e presentato da ilSicilia.it e Siciliarurale.eu per valorizzare l’identità agroalimentare del ‘Made in Sicily’. Per l’ultimo appuntamento, andremo alla scoperta dello squisito mondo del Distretto Dolce di Sicilia.

Ci siamo recati a Belpasso per parlare della prima colazione. Cornetti e più in generale i dolci da forno: saranno loro i nostri protagonisti.

PERCHE’ LA COLAZIONE?

Il primo pasto della giornata ha un ruolo molto importante nella routine giornaliera dei siciliani. Per questa ragione necessita di un’attenzione particolare. I prodotti da forno come cornetti, biscotti o fette biscottate sono diventati insostituibili sulle nostre tavole.

 

Numerosi sono i vantaggi che una buona colazione porta con sé: dalla prevenzione di alcune malattie, alla gestione del metabolismo, fino a molti aspetti fondamentali per affrontare al meglio la giornata, come resistenza fisica, capacità di attenzione o memorizzazione.

FASI DI PRODUZIONE DEL CORNETTO

Farina, zucchero, uova, latte e lievito madre: sono questi gli ingredienti base per un buon cornetto. A ripercorrere le fasi della sua lavorazione ci ha aiutati Alberto Spina, responsabile di produzione. “L’impasto viene lavorato per circa 20 minuti nell’impastatrice a spirale. Una volta pronto viene versato nell’impianto di laminazione, dove avviene anche la sfogliatura. Strati di margarina e di pasta vengono sovrapposti e ripiegati più volte. Durante la cottura questi strati si apriranno e daranno la tipica sfoglia del prodotto”.

Pronto il cornetto, si passa alle fasi più delicate: la lievitazione e la cottura. “Le temperature per la lievitazione variano tra i 32-35 gradi, con un’umidità che va dall’80% al 90%, per circa 6 ore”.

Cuociono per 14 minuti, tra i 180 – 200 gradi, per poi passare alla fase di raffreddamento, in delle torri a temperatura ambiente. A seconda della stagione, il tempo di permanenza varia dai 30 ai 40 minuti. La produzione si conclude con la farcitura e il confezionamento”.

VALORIZZAZIONE DEL MADE IN SICILY

Obiettivi del distretto sono: efficienza, qualità e competitività. Le aziende che ne fanno parte hanno tutte una caratteristica in comune: la valorizzazione del ‘made in Sicily’.

Siamo stati raggiunti da Rosario Menza, amministratore delegato, che ci ha spiegato come il concetto base sia “quello di identificare le materie prime dell’agroalimentare siciliano e trasferirle sui prodotti che non sono tipicamente riconducibili alla nostra tradizione alimentare. Nel caso del cornetto, lo abbiamo tipicizzato con l’introduzione di grani antichi del territorio o con farciture al pistacchio siciliano. Lo stesso vale per i dolci della ricorrenza, come il panettone milanese o il pandore veronese, che abbiamo personalizzato con ingredienti siciliani. Anche nel caso del torrone, utilizziamo solo mandorle provenienti dal territorio regionale”.

 

DISTRIBUZIONE, CONSUMATORI ED EXPORT

I consumatori sono diventati sempre più esigenti: “Principalmente l’attenzione è rivolta alla grande distribuzione. La scelta è orientata verso prodotti di qualità medio alta. È un trend in forte crescita e particolarmente appetibile. Negli ultimi anni – ha aggiunto Rosario Menza – si punta ad una fascia di mercato un po’ diversa, con il ritorno all’artigianalità. L’alta attenzione alla selezione delle materie prime porta necessariamente ad una modifica del processo produttivo: si valorizza la qualità a discapito della quantità”.

L’operazione portata avanti dal distretto, per cercare di donare ai prodotti un’identità ben precisa, unica e subito riconoscibile, sembra dare i suoi frutti. Questo aspetto è ben visibile dai dati relativi all’esportazione: “La vendita portata avanti nei mercati esteri verte principalmente sui paesi in cui le etnie italiane o siciliane sono più numerose. I principali mercati sono la Germania e gli Stati Uniti”.

© Riproduzione Riservata

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.