Privacy Policy
Home / Agricoltura / Tre milioni di euro per la Sicilia dal Fondo di solidarietà per danni e avversità del 2017

Tre milioni di euro per la Sicilia dal Fondo di solidarietà per danni e avversità del 2017

danni

(di Redazione) In arrivo per la Sicilia poco più di 3 milioni di euro dal Fondo di solidarietà nazionale per far fronte agli interventi compensativi dei danni alle aziende agricole colpite da calamità naturali ed eventi climatici avversi.

La Conferenza delle Regioni ha approvato la proposta di riparto dei 15 milioni euro stanziati con decreto legge n. 8 del 2017 che verranno prelevati dal Fondo e che sono destinati al ristoro dei danni provocati dalla siccità del 2017 e dalle gelate del mese di aprile.

«È un segnale importante di sostegno alle imprese, per non sentirsi più sole rispetto agli eventi – ha dichiarato Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonomee sebbene non siano perfettamente adeguate ai danni subiti dalle aziende queste risorse sono fondamentali per far ripartite un settore, come quello agricolo, indebolito dai cambiamenti climatici».

Il Fondo di solidarietà nazionale, com’è noto, risponde all’esigenza di fornire sostegno economico alle imprese colpite da calamità naturali o eventi climatici avversi, epizoozie, fitopatie. In associazione alle polizze assicurative – ancora poco diffuse perché costose e non sempre disponibili per tutte le colture e per certe avversità climatiche – serve a garantire la stabilità economica e produttiva dell’impresa agricola.

Nella ripartizione del Fondo, la Sicilia – non per fortuna, ma purtroppo perché è la regione che più delle altre ha subìto i danni della siccità – ha fatto la parte del leone, ottenendo la quota maggiore. Il Fondo di 15 milioni di euro, infatti, è stato così ripartito: Piemonte 700.479, Valle d’Aosta 12.810, Liguria 36.733, Lombardia 17.871, Veneto 374.416, Emilia Romagna 1.830.609, Toscana 1.408.676, Umbria 541.163, Marche 368.712, Lazio 1.569.606, Campania 1.158.843, Molise 205.663, Calabria 1.905.261, Sicilia 3.085.197, Sardegna 1.783.961.