Privacy Policy
Home / Agricoltura / Pantelleria Doc Festival, l’esaltazione della viticoltura eroica

Pantelleria Doc Festival, l’esaltazione della viticoltura eroica

Terrazzamenti Pantelleria piccolo

(di Redazione) Dal 31 agosto al 9 settembre è in programma la prima edizione del Pantelleria Doc Festival che animerà uno dei luoghi più caratteristici del Mediterraneo e, allo stesso tempo, meno conosciuti.: questo, l’obiettivo principale della.

Pantelleria Doc Festival

Pantelleria, il lago di Venere

Organizzato dal Consorzio vini di Pantelleria DOC, in collaborazione con Pantelleria Island – Tour Operator nato dal Consorzio Albergatori che riunisce le strutture ricettive locali -, il Festival pensato per esaltare il potenziale turistico dell’isola così come non era mai stato fatto, innesterà il proprio racconto su quell’attività che, dell’isola, è il vero e proprio simbolo, la viticoltura eroica, distribuendosi in una miriade di eventi che, partendo dalla scoperta del territorio e dei suoi prodotti, restituiranno una fotografia d’insieme unica, espressione di una sinergia autentica tra vino e turismo.

Pantelleria vendemmia«l termine viticoltura eroica – spiega Benedetto Renda, presidente del Consorzio vini di Pantelleria Doc non è utilizzato a caso, o arbitrariamente. Produrre vino a queste latitudini, che si tratti di Passito, vini secchi o spumanti, è una vera propria impresa eroica: in media, infatti, a Pantelleria occorre più del triplo del tempo di lavoro che si richiede in altre realtà territoriali. Le condizioni geografiche estreme, l’orografia dei terreni in forte pendenza, il vento che soffia costante, le limitate disponibilità di manodopera, la scarsità di piogge e l’assenza di sorgenti d’acqua dolce rendono l’attività dei vignaioli un miracolo continuo, premiato dalla qualità di vini che non hanno eguali in tutto il panorama enologico».

Pantelleria, agrume protetto da muretto a secco

Il programma, che riempirà dalla mattina alla notte le giornate del Festival, comincerà tutti i giorni con le escursioni in vigna e le degustazioni in pieno periodo vendemmiale (9.30-11.30), permettendo ai visitatori di conoscere a fondo le tecniche di una viticoltura il cui valore è stato riconosciuto anche dall’Unesco, che ha accolto nel 2014 il metodo di allevamento della vite ad alberello di Pantelleria tra i patrimoni immateriali dell’umanità. Una possibilità di visita che, a seconda delle preferenze degli ospiti dell’isola, si estenderà anche al pomeriggio (18-19.30), offrendo l’occasione di conoscere con colori diversi aziende d’eccellenza come Cantine Pellegrino, Salvatore Murana, Vinisola, Donnafugata, Cantina Basile, Marco De Bartoli e Coste di Ghirlanda. Qui sarà possibilità partecipare a degustazioni verticali (19.30-20.30), e assaggiare direttamente le uve Zibibbo da cui i vini vengono prodotti.

Tutti i giorni, inoltre, non mancheranno le occasioni di trekking ed escursioni in bici, che culmineranno con l’arrivo in cantina (9.30-12), così come le gite in kayak e in barca (10-12 o 10-17), attraverso percorsi che esploreranno l’interno e la costa dell’isola toccando i punti di maggior interesse archeologico e naturalistico.

Tuttavia, quando si parla di Pantelleria non può mancare la cucina: spazio allora agli appuntamenti con la scuola di cucina pantesca (10-15) che, pur nascendo su un’isola, è più legata alla terra che al mare. Tra cene laboratorio (21-23) e visite agli artigiani del gusto panteschi (17-19), nel corso della manifestazione si toccheranno così  con mano (e papille) storia, ricette e peculiarità di prodotti d’eccellenza come il celebre cappero o piatti come il cous cous e l’insalata pantesca, autentiche delizie mediterranee che sarà possibile acquistare anche al mercato (18-23) appositamente allestito per alcune giornate del Pantelleria Doc Festival. Momenti tra vino e cibo di cui saranno protagonisti immancabili anche gli aperitivi previsti tutti i giorni al tramonto (19-21), a cui faranno da controcanto i dopocena organizzati presso le cantine (a partire dalle 23), dove la dolcezza del Passito incontrerà le fragranze del cioccolato e dei sigari, accompagnate dalle note di musica dal vivo e visite notturne nei giardini panteschi.

E se di notti e musica stiamo parlando, largo ai Wine Party (inizio alle 23), che costringeranno gli amanti delle feste a fare le ore davvero piccole. Infine, anche un appuntamento col folklore locale: il 3 settembre, infatti, è in programma il Palio delle Botti (17-21), che vedrà sfidarsi in una gara tradizionale le diverse contrade dell’isola.