Privacy Policy
Home / Agricoltura / Dal 10 agosto le domande per il ripristino degli agrumeti colpiti da Tristeza

Dal 10 agosto le domande per il ripristino degli agrumeti colpiti da Tristeza

tristeza virus

(di Redazione) È stato pubblicato sul sito del Dipartimento Agricoltura e del Psr Sicilia il bando della sottomisura 5.2 del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Il bando era atteso da molto tempo soprattutto dagli agrumicoltori che intendono ripristinare gli agrumeti danneggiati dal virus della Tristezza (Citrus Tristeza Virus CTV).

La dotazione di 7 milioni di euro, però, non solo è destinata agli agrumeti. Nel bando sono anche contemplate altre patologie che hanno colpito i fruttiferi come il “Colpo di fuoco batterico” (Erwinia amylovora) e il virus “Sharka” delle pomacee (PPV). Il bando, inoltre, prevede che la dotazione di 500 mila euro sia destinata a finanziare il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da avversità abiotiche e cioè calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Decisamente interessante è la modalità di concessione del contributo: a fondo perduto nella misura del 100 per cento delle spese sostenute. Ma insufficiente la dotazione con cui si potrà intervenire solo su una parte della superficie agrumicola colpita dal virus della Tristeza.

Le domande per la partecipazione al bando potranno essere caricate sul portale Sian di Agea dal 10 agosto 2018 al 10 gennaio 2019. Questo intervallo di tempo così ampio, viene spiegato in una nota dell’assessorato, serve a consentire che possano essere effettuati i prelievi dei campioni di periodi in cui il virus della tristezza degli agrumi è attivo, ma anche per consentire che possano essere effettuate tutte le analisi necessarie a verificare la presenza del virus.
Per l’Assessore Bandiera: «Prosegue senza  sosta l’attuazione del Psr con l’obiettivo di recuperare il tempo perduto ad inizio programmazione, dando priorità alle misure che rivestono interesse strategico e carattere d’urgenza per l’agricoltura siciliana, come gli agrumeti danneggiati dal dilagante virus della Tristeza».