Privacy Policy
Home / Eventi / Alturestival 2018, tra i monti della Sicilia festival dedicato alla natura, alle arti e alle culture

Alturestival 2018, tra i monti della Sicilia festival dedicato alla natura, alle arti e alle culture

Alturestival

(di Redazione) Dal 4 agosto al 16 settembre, tra il Castellaccio di Monreale, San Martino delle Scale, Piano Battaglia e alcuni dei luoghi storicamente legati al Club Alpino Siciliano, si svolgerà Alturestival, il festival dedicato alla natura, alle arti e alle culture, tra i monti della Sicilia. Tra gli ospiti, il regista Pasquale Scimeca, il gruppo musicale Agricantus ed il violinista Enzo Rao. Una mostra fotografica sarà dedicata al 161° anniversario dalla fondazione dello storico Club Alpino Siciliano.

Alturestival 2018, iniziativa organizzata dal Club Alpino Siciliano e dall’Associazione Culturale Formedonda, in collaborazione con il Rifugio del Club Alpino Italiano G. Marini di Piano Battaglia nasce con l’intento di far riscoprire, attraverso le arti, le bellezze paesaggistiche e i più suggestivi altopiani della Sicilia. Il tutto tra performance sonore, passeggiate, concerti, mostre e momenti legati a degustazioni di prodotti provenienti da presìdi Slow Food dell’isola.

Per un mese e mezzo vedrà protagonisti i luoghi più rappresentativi del Club Alpino Siciliano e delle Madonie, che diverranno per l’occasione sedi espositive, palcoscenici all’aperto, mete e  luoghi di incontro. «AlturEstival è l’idea di unire attività di fruizione turistica consapevole, quali arte, cultura, spettacolo, sport, che si svolgono tra i monti di Sicilia in una programmazione coordinata, essenzialmente estiva o in ogni caso destagionalizzata per contribuire ad una conoscenza di questi luoghi per un turismo a passo lento», ha detto Mario Crispi, presidente del Club Alpino Siciliano e organizzatore del festival.

Per la serata d’apertura il 4 agosto i visitatori avranno l’opportunità di conoscere il Castellaccio di Monreale, che costruito da Guglielmo II, si pensa facesse parte di un sistema di difesa-controllo del territorio tra il 1061 ed il 1072. Uno dei primi momenti musicali sarà proprio al Castellaccio, alle ore 19, con il concerto del musicista palermitano Enzo Rao col suo progetto musicale dal titolo “Situazioni Sonore”.

Il regista Palsquale Scimeca, sarà, invece ospite del secondo appuntamento del festival il 10 agosto, alle ore 12, al Rifugio Marini di Piano Battaglia. Nel corso dell’incontro “Cinema e musica d’autore” il regista siciliano dialogherà con le musiche del gruppo musicale Agricantus, che ha spesso collaborato alla realizzazione di alcuni dei suoi più celebri film. Al termine dell’incontro si terrà un pranzo conviviale con ricette, piatti e portate suggeriti dal cinema.

Sabato 11 agosto, alle ore 19, sempre al Castellaccio di Monreale, gli Agricantus presenteranno il loro ultimo disco “Akoustikòs”, uscito pochi mesi fa per l’etichetta Compagnia Nuove Indie. «Akoustikòs è il nostro nuovo progetto musicale che nasce dall’incontro con Anita Vitale, vocalist e pianista siciliana, cantante che, sebbene di formazione jazzistica, ha sempre avuto una particolare attenzione verso la musica etnica e world, specialmente di provenienza siciliana – spiegano gli Agricantus – in questo nuovo percorso, abbiamo voluto che timbri e strumenti elettronici, elementi che da sempre hanno fatto parte della nostra cifra stilistica e della nostra ricerca musicale, lasciassero spazio al suono naturale, fatto di legni, corde, canne, pelli, tavole armoniche, voci, nella loro dimensione più pura. Pertanto  – concludono – abbiamo rivisitato parte del nostro repertorio in chiave “essenziale”, muovendoci tra un misto di sonorità arcaiche, acustiche e di musica d’autore e cercando di esaltarne i suoni e le melodie per evocare le sensazioni e le atmosfere a noi tanto care».

Mercoledì 15 aprile, alle ore 12, a Piano Battaglia, invece, avrà luogo Pim, il Pronto Intervento Musicale, una performace sonora di corni. Alle ore 18, il concerto degli ArenariaSabato 1 settembre, alle ore 10,30 al Rifugio Merlino di Piano Battaglia, si terrà il concerto dei ragazzi del Centro Tau, il centro nato qualche anno fa nel quartiere Zisa di Palermo, con l’intento di sottrarre i più giovani alla strada attraverso la musica e le arti espressive in genere. Alle ore 19, invece, ci sarà il concerto del gruppo musicale Mattanza. Sabato 15 settembre, alle 11, al Castellaccio di Monreale, si terrà il “Seminario e ritiro musicale” con il chitarrista e compositore Paolo Tofani e gli Strepitz.

Diverse saranno le passeggiate alla scoperta dei monti della Sicilia. Sabato 4 agosto, a partire dalle ore 17,30, si terrà la passeggiata alla scoperta del Monte Caputo e del Castellaccio di Monreale, luogo che fu uno dei primi monumenti ad essere acquistato dal Club Alpino Siciliano poco dopo la sua istituzione. Si parte da Portella San Martino, per un percorso lungo il viottolo che conduce al Castellaccio.  Lunedì 13 agosto, a partire dalle ore 17,30 , invece, ci sarà, la risalita coordinata del Monte Mufara, la montagna appartenente alla catena montuosa delle Madonie, celebre per i suoi spettacolari panorami. Domenica 2 settembre, dalle ore 10, si terrà una passeggiata che da Portella Colla di Piano Cervi condurrà prima a Fontana Bianca e poi al Rifugio Cas Monte Cervi.

Il 16 settembre, alle ore 8,30 del mattino, per la giornata conclusiva del festival, si terrà la “Passeggiata dei 4 rifugi delle Madonie”. Protagonisti i Rifugi del Cas Francesco Crispi e Melchiorre Morici a Piano Imperiale, il Monte Mufara, Lo Scoiattolo, ed il Rifugio del Cai Giuliano Marini.

Infine si inaugura sabato 8 settembre, alle ore 17,30 al Castellaccio di Monreale, la mostra fotografica dal titolo “Dagli archivi del Cas”, che racchiude al suo interno il vasto repertorio fotografico del Club Alpino Siciliano dalla sua costituzione fino ad oggi. Alle ore 18, invece, verrà presentata in anteprima l’Archiviazione digitale della storica rivista “Sicula” del Club Alpino Siciliano a cura della Fondazione Buttitta. In questa occasione si esibirà il cantautore siciliano Carlo Muratori.